Niente asilo per i bimbi senza certificato di vaccinazione. A dirlo è l’Associazione nazionale presidi, che si esprime a poche ore dalla scadenza del termine per la presentazione dei certificati delle vaccinazioni obbligatorie nelle scuole, previsto entro il 10 marzo, quando scade l’autocertificazione accolta all’inizio dell’anno scolastico, a settembre. “Lunedì prossimo, per chi non si presenterà a scuola con il certificato richiesto, applicheremo semplicemente la legge. Quindi, negli asili, i bambini sprovvisti di certificato non potranno entrare – scrivono i presidi -. Nelle altre scuole, invece, in questi casi è prevista solo una sanzione pecuniaria e gli alunni potranno entrare lo stesso”. Una dichiarazione che arriva dopo che il vicepremier e leader della Lega Matteo Salvini aveva scritto alla ministra della Salute Giulia Grillo per auspicare un decreto secondo lui necessario a consentire la permanenza scolastica ai bambini non vaccinati delle scuole dell’infanzia. “Se ci sarà un decreto, lo applicheremo” dicono i presidi.

Nel frattempo, però, “il problema è soprattutto nella scuola primaria, dove i non vaccinati potrebbero restare a contatto con gli immunodepressi, i quali non sono tutelati da questo tipo di previsione normativa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

8 marzo, noi precarie diciamo basta al ricatto del lavoro in cambio della rinuncia alla maternità

prev
Articolo Successivo

Vaccini, oggi ultimo giorno per portare i certificati a scuola: a Bologna circa 300 bambini a rischio sospensione

next