“Non parlo del voto, la questione del voto non sta mai a me dirla, la legislatura è saldamente in piedi, c’è la nostra Carta costituzionale, la nostra Repubblica e semmai avverrà qualcosa la parola passerà sempre al Presidente della Repubblica, non al presidente della Camera”. Così il presidente della Camera, Roberto Fico, a chi gli chiede se, in seguito alla questione Tav, ci sia il rischio di andare al voto. “In ogni caso si sta andando avanti, i provvedimenti sono agli atti, lunedì si continua il lavoro assolutamente normale”. Sulla questione Tav il presidente della Camera ha ricordato come questa rappresenti “una battaglia identitaria del Movimento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Davide Casaleggio (M5s): “Crisi? Non penso. Oggi siamo qui per parlare di partecipazione”

next
Articolo Successivo

Tav, Palazzo Chigi scrive a Telt: rinviati i bandi. Conte: “I gruppi di potere non ci condizionano. Ora tavolo con Parigi e Ue”

next