Due regioni del sud, Campania e Sicilia, due del nord, Lombardia e Piemonte, una del centro, il Lazio.

Sono i territori dai quali provengono la maggioranza delle domande per accedere al reddito di cittadinanza, numero che ha già superato quota centomila e che naturalmente crescerà ancora.

Certo, vale la demografia. Sono le regioni più popolose e dunque è ragionevole che in percentuale le domande provengano da lì. Queste prime cifre ci dicono anche altro: che il nord soffre, che i poveri esistono a Milano e a Torino, nelle cinte urbane e nelle piccole province.

E dunque dividere gli italiani in produttivi e assistiti è lo sciocco luogo comune che alimenta le cattive pratiche, produce i più radicati pregiudizi e quello sfondo in cui si specchiano i nostri vizi.

Il Nord non è solo fabbriche e finanzieri, ma anche emarginati, poveri e nuovi bisognosi. Il fatto che questa realtà venga a galla in virtù di una legge che, si era detto, sarebbe servita a cibare le nuove clientele meridionali, spiega quanto approssimata, superficiale e presuntuosa fosse l’analisi di chi divideva l’Italia tra lavoratori e nullafacenti, persone per bene e gran spreconi.

È anche una lezione per la Lega che mostra al mondo il Nord ma poi lo conosce poco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nel Paese dei binari morti l’unica cosa che conta è il Tav

next
Articolo Successivo

La strage dei buoni

next