“Stiamo protestando per tutti i prodotti ortofrutticoli e per quelli importati dall’Africa. Salvini dice prima gli italiani, noi siciliani lo siamo, e perché non ci viene ad aiutare?”. Un centinaio di imprenditori agricoli e braccianti del comparto della Sicilia Sud-orientale si è dato appuntamento lungo la statale Catania-Gela, per il secondo giorno consecutivo di manifestazioni contro l’importazione massiccia di prodotti agroalimentari dall’estero e il calo dei prezzi.
Martedì prossimo è previsto un incontro con il prefetto di Catania, Claudio Sammartino, dove gli imprenditori esporranno le loro problematiche chiedendo un tavolo tecnico con il governo. Ma se non dovessero arrivare risposte positive, i manifestanti andranno avanti. “Per il momento è un presidio pacifico – commenta un agricoltore – aspettiamo che il ministro Salvini si faccia vedere, altrimenti faremo blocchi e manifestazioni più dure”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reddito, 120mila domande nei primi due giorni. 800 emendamenti al decretone alla Camera: 65 sono di Lega e M5s

prev
Articolo Successivo

Imprese, se il capo vuole fare il solitario come Robinson Crusoe ha poche speranze

next