“Stiamo protestando per tutti i prodotti ortofrutticoli e per quelli importati dall’Africa. Salvini dice prima gli italiani, noi siciliani lo siamo, e perché non ci viene ad aiutare?”. Un centinaio di imprenditori agricoli e braccianti del comparto della Sicilia Sud-orientale si è dato appuntamento lungo la statale Catania-Gela, per il secondo giorno consecutivo di manifestazioni contro l’importazione massiccia di prodotti agroalimentari dall’estero e il calo dei prezzi.
Martedì prossimo è previsto un incontro con il prefetto di Catania, Claudio Sammartino, dove gli imprenditori esporranno le loro problematiche chiedendo un tavolo tecnico con il governo. Ma se non dovessero arrivare risposte positive, i manifestanti andranno avanti. “Per il momento è un presidio pacifico – commenta un agricoltore – aspettiamo che il ministro Salvini si faccia vedere, altrimenti faremo blocchi e manifestazioni più dure”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista