Un lungo applauso si è levato da tutti i banchi del Senato quando, dopo l’ok all’ordine del giorno sulle misure per fronteggiare le malattie oncologiche, il vicepresidente Roberto Calderoli dallo scranno presidenziale ha parlato della sua patologia. “Il caso ha voluto – dice – che a presiedere sia una persona che il cancro ce l’ha avuto e da sei anni e mezzo sta combattendolo”. Poi emozionato ha concluso:  “Vi ringrazio per un applauso non gradito, non lo auguro a nessuno, però, toccando ferro, si può anche guarire”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, 5 ore di vertice nella notte non bastano: nessuna decisione sui bandi. Ipotesi bilaterale con la Francia

next
Articolo Successivo

Renzi: “I 5 stelle esplosi, ne rivendico il merito. Reddito di cittadinanza è diseducativo e tiene in vita il voto di scambio”

next