“Non c’è motivo per cui mi debba dimettere da deputato, io non sono espulsa dal Movimento 5 stelle”. La parlamentare M5s Giulia Sarti, intercettata fuori dalla Camera dei deputati, ha risposto ad alcune domande del Fatto.it in merito al caso dei mancati versamenti al fondo per il microcredito riesploso nei giorni scorsi. “Confido di rimanere dentro il Movimento perché non ho fatto assolutamente niente, io non lascio il M5s, io l’ho fatto nascere”, ha ripetuto più volte. Eppure il capo politico Luigi Di Maio è stato piuttosto chiaro sul futuro della Sarti: “Di Maio per dire quel che ha detto avrà avuto i suoi motivi”. Gli chiederà un incontro? “No, perché c’è un provvedimento dei probiviri in corso”, ha concluso la parlamentare autosospesa.

Le parole di Giulia Sarti hanno fatto molto rumore dentro e fuori il Movimento. Il 26 febbraio scorso, il pm di Rimini ha dato notizia della richiesta di archiviazione della sua denuncia contro l’ex fidanzato: l’accusa era di essersi intascato 23mila euro dei rimborsi da parlamentare che avrebbe dovuto destinare al fondo per il microcredito. Secondo i pm non è stata derubata. In attesa della decisione del gip, la Sarti ha subito annunciato le sue dimissioni da presidente della commissione Giustizia e l’autosospensione dal Movimento. Lo stesso capo politico del Movimento, Luigi Di Maio, aveva poi dato per scontata la sua espulsione. In realtà perché questa sia ufficiale, è necessario aspettare che si esprima il collegio dei probiviri. Fonti vicine ai vertici M5s hanno fatto sapere alle agenzia di stampa che il procedimento è stato aperto il 4 marzo scorso e se ne attende l’esito. Ma nel frattempo, hanno specificato che “l’espulsione di Giulia Sarti è doverosa“.

Sarti oggi è tornata a Montecitorio e ha partecipato alla votazione per la deputata Francesca Businarolo, eletta alla guida della commissione Giustizia al suo posto. All’uscita dalla Camera, intercettata dal Fatto.it. ha quindi dato una nuova versione: ovvero che lei per il momento non intende presentare le dimissioni o uscire dal Movimento. Sarti è una delle prime esponenti 5 stelle ed è deputata al secondo mandato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legittima difesa, la legge alla Camera. Salvini in aula: “Accordo chiuso con M5s. Sarà approvata entro marzo”

next
Articolo Successivo

Legittima difesa, Migliore a M5s-Lega: “A voi piacciono quelli che sparano in petto a chi sta in ginocchio, siete ridotti così”

next