Dopo i robot che camminano, corrono e saltano, ecco il robot che fa le giravolte per aria. Non stupirebbe vedere un cane o un gatto fare un salto mortale all’indietro, ma un robot che li imita in un modo efficace scatena l’effetto “Wow”. Il protagonista di questa acrobazia aerea è Mini Cheetah, la versione “mini” del robot ghepardo realizzato dal Massachusetts Institute of Technology. Per farvi un’idea precisa di quello che è capace di fare basta guardare il video qui sotto:

 

Mini Cheetah pesa circa 9 chili (rispetto ai 40 Kg del più grande Cheetah 3 presentato lo scorso anno) e può correre a una velocità massima di 2,45 metri al secondo. Sono le dimensioni compatte a consentire l’agilità necessaria per compiere i salti mortali. Da notare che Mini Cheetah non è il primo robot a fare questo tipo di acrobazia: circa un anno fa ha esordito il robot Atlas di Boston Dynamics che fa la stessa cosa, ma su due zampe anziché quattro.

 

Se state pensando di adottare Mini Cheetah come quadrupede domestico, sappiate che purtroppo non è in vendita, è un progetto di ricerca fatto per testare le tecnologie robotiche. E oltre tutto non è l’unico robot compatto a fare qualcosa di divertente. Come dimenticare il robot che balla “Uptown Funk”?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rischi per la sicurezza: il phishing resta la più grande minaccia per la sicurezza informatica

next
Articolo Successivo

In Cina vietato l’acquisto di biglietti di aerei o treni per 23 milioni di volte per colpa del basso “punteggio sociale”

next