Le primarie del Partito Democratico incoronano Nicola Zingaretti come nuovo segretario. Stando ai dati in arrivo dai seggi delle primarie, quella del governatore del Lazio sarà un’affermazione netta grazie a una percentuale tra il 65-70% di preferenze con oltre 1 milione di preferenze: una percentuale – confermata dal suo comitato – che gli permetterà di diventare segretario subito, ‘saltando’ il rischio della conta in assemblea nazionale il prossimo 17 marzo.

Il primo discorso: “Unità e cambiamento” – “Non mi sento capo, ma leader di un campo”, ha detto Zingaretti nel suo primo discorso da segretario prima di iniziare un lungo elenco di ringraziamenti che ha abbracciato i giovani e i partigiani, i lavoratori e gli studenti, le “donne e le femministe” fino alla giovane ambientalista svedese Greta Thunberg. “Unità e ancora unità, cambiamento e ancora cambiamento“, ha ripetuto il neo-segretario durante il suo intervento durato oltre 20 minuti (leggi tutti i punti del discorso) nel quale c’è stato posto per Aldo Moro, l’Ulivo e i governi “che ci hanno salvato” dalla bancarotta. Poi ha tracciato le linee guida del suo Pd: “Dobbiamo richiamare i delusi che erano stati catturati da chi ha proposto soluzione suggestive. Offriremo un’altra strada, basta con brame di potere e con il gioco delle figurine. L’agenda del nuovo Pd sarà fatta di parole semplici, a partire dalla conoscenza che vuol dire libertà per il genere umano”. [jwaplayer]R3eij1D2[/jwplayer]

video di Alberto Sofia

Le congratulazioni di Giachetti e Martina – Come sarebbe andata a finire, lo si era capito circa mezz’ora dopo l’inizio dello scrutinio, quando sono arrivati i complimenti degli sfidanti Roberto Giachetti Maurizio Martina. “Ho appena chiamato Nicola Zingaretti, che sarà il prossimo segretario del Pd per complimentarmi per il suo risultato ed anche per il risultato della partecipazione alla quale abbiamo contribuito tutti”, ha scritto Giachetti poco prima delle 21 sui social. Pochi minuti più tardi è arrivato anche l’in bocca al lupo di Martina: “Buon lavoro Nicola Zingaretti, buon lavoro Segretario! Contento di avere contribuito a questa bellissima giornata. Da oggi sempre più #fiancoafianco nel Pd per l’Italia”.

di Agenzia Vista

Renzi: “Basta fuoco amico, bella vittoria” – Anche Matteo Renzi, che proprio un anno fa iniziò il suo declino con il flop alle Politiche, ha voluto complimentarsi con Zingaretti parlando di una “vittoria bella e netta”. Adesso, però, scrive l’ex segretario su Twitter: “Basta col fuoco amico: gli avversari politici non sono in casa ma al Governo. Al segretario Zingaretti un grande in bocca al lupo. A Maurizio, Bobo e a tutti i volontari grazie. Viva la democrazia”.

“Oltre 1,5 milioni di votanti. Più che nel 2017” – Un riferimento, quello del senatore di Rignano, all’altro dato centrale della giornata, quello della partecipazione alle primarie: l’obiettivo minimo fissato dai tre sfidanti era 1 milione di persone portate nei seggi e ai gazebo, ma secondo i dati diffusi dal presidente della Commissione congresso, Gianni Del Moro, i votanti sono stati più di 1,5 milioni(la cronaca della giornataMa nei comitati di Zingaretti,Martina e Giachetti si sussurra di 1,7-1,8 milioni di persone. Un dato che supererebbe il numero degli elettori Pd che si recarono alle primarie nel 2017.

Martina: “Straordinario capitale di fiducia” – “Alla faccia di chi diceva che sarebbe stato un flop”, dice Martina parlando nella sede del Pd dopo aver augurato buon lavoro al prossimo segretario. “Il nostro popolo ha stupito ancora una volta. I nostri elettori hanno scelto, da oggi lavoriamo accanto a lui senza dubbi, senza se e senza ma, per la nuova stagione del Pd”, aggiunge. “Da queste primarie arriva uno straordinario capitale di fiducia che va speso, bene, nell’interesse nel Paese – spiega il segretario reggente – La manifestazione di Milano e dai gazebo arriva una richiesta di reazione a questa destra pericolosa: dobbiamo far sentire a casa questa gente”.

Gentiloni: “Cerchiamo di meritarceli”. Sala: “Segnale forte” – Nello stesso solco si inserisce il messaggio dell’ex presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni: “Coraggio e generosità straordinari dal nostro popolo. Cerchiamo di meritarceli. Forza e onore. Zingaretti ora può ridare slancio al Pd e all’opposizione. Sono certo che chi ha perso oggi farà la sua parte da domani”, ha scritto su Twitter. Mentre per il sindaco di Milano, Beppe Sala, “dopo la manifestazione di ieri, anche la giornata di oggi è stata un bellissimo esempio di democrazia e partecipazione. Un segnale forte che parte dalle persone”.

ORA PER ORA (ultimo aggiornamento alle 23.20)

22.40 – Zingaretti verso il 70% con 1 milione di preferenze
Nicola Zingaretti sarebbe al 70% con oltre un milione di voti. Questi, secondo il comitato del governatore del Lazio, in numeri che arrivano dai primi conteggi delle schede delle primarie del Pd sulla base di 200mila voti. Alle sue spalle Maurizio Martina con il 18% e Roberto Giachetti con il 12%.

22.21 – Il presidente della Camera Fico: “Auguri a Zingaretti”
Al neo-segretario del Pd arrivano le congratulazioni anche del presidente della Camera: “Auguri di buon lavoro al nuovo segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti”, scrive su Twitter Roberto Fico.

22.05 – Zingaretti è segretario: “Non mi sento un capo, ma leader” (leggi tutto il discorso)

21.59 – Zingaretti: “Grazie all’Italia che non si piega”
“Aspettiamo i risultati. Il consenso dovrebbe essere tra il 65 e il 60 per cento. Arriva – dice Zingaretti nel suo comitato festeggiando la vittoria – in una giornata in cui hanno votato lo stesso numero, forse anche di più, di militanti che nelle scorse primarie”. Ringraziando i volontari che hanno sostenuto la sua candidatura, il neo-segretario ha ringraziato “l’Italia che non si piega, che vuole arginare un governo illiberale e pericoloso”. Il governatore ha ringraziato i giovani, gli anziani e i partigiani ultranovantenni che sono andati ai gazebo: “Ci avete regalato la democrazia e avete ancora il coraggio di lottare”. Poi ha proseguito l’elenco con “lavoratori, Sud, donne e femministe”.

21.51 – Il presidente del Pd Orfini: “Fantastica pagina di democrazia”
“Grazie ai nostri fantastici militanti che sono ancora nei seggi per lo scrutinio. Grazie a tutti quelli che hanno votato, scrivendo una fantastica pagina di democrazia. Grazie a Maurizio Martina e Roberto Giachetti. E complimenti a Nicola Zingaretti nuovo segretario del Partito Democratico”. Così su Twitter Matteo Orfini, presidente del Pd.

21.50 – Boschi su Facebook: “Saremo leali”
“Nicola Zingaretti è il nuovo segretario del Pd. Il popolo delle primarie ha parlato. E noi rispetteremo questo risultato in modo leale. Complimenti a Nicola. E grazie a Maurizio e soprattutto a Bobo per la bella battaglia. Da domani tutti insieme a lavoro contro il Governo di Salvini e Di Maio”, lo scrive Maria Elena Boschi su Facebook.

21.45 – Gentiloni: “Meritiamoci coraggio del nostro popolo”
“Coraggio e generosità straordinari dal nostro popolo. Cerchiamo di meritarceli. Forza e onore. @nzingaretti ora può ridare slancio al #PD e all’opposizione. Sono certo che chi ha perso oggi farà la sua parte da domani”, scrive su Twitter l’ex premier Paolo Gentiloni.

21.43 – Martina: “Non disperdiamo capitale delle primarie”
“Buon lavoro a Zingaretti e grazie a tutti per la partecipazione, alla faccia di chi diceva che sarebbe stato un flop”, dice Martina parlando nella sede del Pd. “Il nostro popolo ha stupito ancora una volta. I nostri elettori hanno scelto, da oggi lavoriamo accanto a lui senza dubbi, senza se e senza ma, per la nuova stagione del Pd”, aggiunge.

21.41 – Dati parziali Quorum/Youtrend: “Zingaretti al 65%”
Dopo 80mila voti scrutinati, Quorum/Youtrend stima il governatore del Lazio al 65%, seguito al 22 per cento da Martina e da Giachetti al 13.

21.39 – Sala: “Un segnale forte che parte dalle persone”
“Complimenti e buon lavoro a Nicola Zingaretti, nuovo segretario del Partito Democratico. Dopo la manifestazione di ieri, anche la giornata di oggi è stata un bellissimo esempio di democrazia e partecipazione. Un segnale forte che parte dalle persone”. Lo scrive su twitter il sindaco di Milano, Beppe Sala.

21.36 – Fonti comitato Zingaretti: “1,8 milioni di votanti”
Secondo fonti del comitato Zingaretti i votanti Pd alle primarie superano il milione e 800mila. “Sono più alti di quelli del 2017, viene riferito.

21.31 – Lotti si congratula con Zingaretti
“Buon lavoro a Zingaretti, nuovo segretario del Partito Democratico. Complimenti anche a Martina e a Giachetti. È stata una grande giornata di democrazia”, scrive su Twitter Luca Lotti.

21.20 – Renzi: “Vittoria bella e netta. Basta fuoco amico”
Con il prossimo segretario del Pd, Nicola Zingaretti, si complimenta anche Matteo Renzi: “Quella di Nicola Zingaretti è una vittoria bella e netta. Adesso basta col fuoco amico: gli avversari politici non sono in casa ma al Governo. Al segretario Zingaretti un grande in bocca al lupo. A Maurizio, Bobo e a tutti i volontari grazie. Viva la democrazia”, scrive l’ex premier su Twitter.

21.13 – “Martina chiama Zingaretti per congratularsi”
Maurizio Martina ha chiamato Nicola Zingaretti per complimentarsi per la vittoria alle primarie, secondo quanto apprende l’Ansa.

21.11 – Proiezione Pd: “Zingaretti al 60%, Martina e Giachetti al 20”
A quanto apprende l’Adnkronos, secondo la prima proiezione dell’organizzazione del Pd sui voti delle primarie, Nicola Zingaretti raggiunge il 60%, mentre Maurizio Martina e Roberto Giachetti si attestano entrambi al 20%.

21.09 – Martina: “Buon lavoro a Zingaretti”
“Buon lavoro Nicola Zingaretti, buon lavoro Segretario! Contento di avere contribuito a questa bellissima giornata. Da oggi sempre più #fiancoafianco nel PD per l’Italia”, così scrive Maurizio Martina su Twitter.

21.06 – Dati parziali Quorum/YouTrend: “Zingaretti al 66%”
I dati parziali di Quorum/YouTrend, basati su 33mila voti scrutinati, danno stabile il governatore del Lazio in testa con il 66,09%. Maurizio Martina al momento raccoglie il 21,74% e Roberto Giachetti l’11,97.

21.01 – Pisapia: “Finalmente si riparte”
“È un ottimo risultato, finalmente si riparte”: così Giuliano Pisapia ha commentato l’affluenza alle primarie del Pd per scegliere il nuovo segretario.
Secondo l’ex sindaco di Milano, “la partecipazione alle primarie di oggi che ha superato ogni previsione e il grande corteo festoso di ieri a Milano segnano un momento di svolta nel nostro Paese”.

21 – Malpezzi: “Opposizione in questo Paese c’è”
“L’opposizione in questo Paese c’è e lo dimostrano le file ai gazebo delle primarie”, lo ha detto Simona Malpezzi, portavoce della mozione di Maurizio Martina, commentando nella sede nazionale del Pd i dati dell’affluenza alle primarie del Pd.

20.54 – Giachetti: “Ho chiamato Zingaretti, sarà lui il segretario”
“Ho appena chiamato Nicola Zingaretti, che sarà il prossimo segretario del PD per complimentarmi per il suo risultato ed anche per il risultato della partecipazione alla quale abbiamo contribuito tutti”, lo scrive su Twitter il candidato alla segreteria Roberto Giachetti

20.52 – Dati parziali Quorum/YouTrend: “Vince Zingaretti”
Secondo i dati parziali di Quorum/Youtrend, basati su 10mila schede, il governatore del Lazio raccoglierebbe oltre il 65% delle preferenze.

20.45 – Comitato Zingaretti: “Siamo attorno al 60%”
Dai primi risultati che arrivano dalle sezioni, considerando i trend, Nicola Zingaretti sarebbe in testa nelle primarie Pd con oltre il 60% dei voti. È quanto si apprende da fonti del comitato del governatore del Lazio.

20.30 – Dal Moro: “Raggiunto obiettivo di 1,5 milioni di votanti”
Sono stati circa un milione e mezzo gli elettori che hanno votato alle primarie del Pd. Lo ha annunciato il presidente della Commissione congresso, Gianni Dal Moro nella sede nazionale del Pd. Dal Moro ha affermato che “l’affluenza è stata omogenea in tutto il territorio nazionale, senza sacche di difficoltà e con un leggero picco al centro-sud, in particolare nel Lazio e in Campania”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Primarie Pd, dem scelgono il nuovo leader: sfida tra Giachetti, Martina e Zingaretti. “Oltre gli 1,5 milioni di votanti”

prev
Articolo Successivo

Pd, il discorso di Zingaretti tra richiami all’Ulivo e alla nascita del partito: “Voltiamo pagina, sarò il capo di una comunità”

next