A gennaio 2019 il numero degli occupati è aumentato di 21mila unità rispetto a dicembre 2018 (+0,1%). Nel complesso però il tasso di disoccupazione, secondo l’Istat, rimane stabile al 10,5%. È quanto emerge dal bollettino mensile dell’Istituto di statistica, secondo cui il trend degli occupati è determinato da un nuovo aumento dei dipendenti a tempo indeterminato (+56mila), mentre si osserva un calo dei contratti a termine (-16mila) e dei lavoratori indipendenti (-19mila). Come già a novembre e dicembre 2018 quindi, continua il trend positivo della stabilizzazione dei contratti promossa dal decreto Dignità, con sempre più lavoratori stabili e meno precari. La crescita coinvolge però esclusivamente gli uomini (+27mila) mentre risultano in lieve calo le donne occupate (-6mila).

A trovare lavoro, spiega l’istituto, sono soprattutto gli uomini oltre i 35 anni: sono infatti negativi i dati che riguardano la disoccupazione giovanile che è aumentata di 0,3 punti percentuali rispetto a dicembre, attestandosi al 33%. Le stime provvisorie dell’Istat mostrano – rispetto a gennaio 2018 – un aumento di 0,4 punti nel tasso di disoccupazione nella fascia fra i 15 e i 24 anni, mentre il tasso di occupazione generale è sceso al 17,4%. Cifre che rimangono comunque lontane rispetto ai picchi della crisi, superiori al 43 per cento, ma  superiori di quasi 14 punti percentuali rispetto ai livelli pre-crisi.

La stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni a gennaio è in calo (-0,2%, pari a -22 mila unità) ma la diminuzione coinvolge solo gli uomini (-33 mila) e si concentra tra i 25-49enni (-48 mila). Il tasso di inattività resta stabile al 34,3% per il terzo mese consecutivo. Nel periodo da novembre 2018 a gennaio 2019 al lieve calo degli occupati si associa un aumento delle persone in cerca di occupazione (+1,3%, pari a +35mila) mentre diminuiscono gli inattivi (-0,4%, -53mila). Nei dodici mesi invece, la crescita degli occupati si accompagna al calo dei disoccupati (-5,0%, pari a -144mila unità) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-1,0%, -129mila).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Disoccupazione alta ma le aziende non trovano lavoratori. Ecco tre possibili risposte psicologiche

prev
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, accordo Inps-Caf. Trovata intesa: la domanda si potrà presentare nei centri di assistenza fiscale

next