A gennaio 2019 il numero degli occupati è aumentato di 21mila unità rispetto a dicembre 2018 (+0,1%). Nel complesso però il tasso di disoccupazione, secondo l’Istat, rimane stabile al 10,5%. È quanto emerge dal bollettino mensile dell’Istituto di statistica, secondo cui il trend degli occupati è determinato da un nuovo aumento dei dipendenti a tempo indeterminato (+56mila), mentre si osserva un calo dei contratti a termine (-16mila) e dei lavoratori indipendenti (-19mila). Come già a novembre e dicembre 2018 quindi, continua il trend positivo della stabilizzazione dei contratti promossa dal decreto Dignità, con sempre più lavoratori stabili e meno precari. La crescita coinvolge però esclusivamente gli uomini (+27mila) mentre risultano in lieve calo le donne occupate (-6mila).

A trovare lavoro, spiega l’istituto, sono soprattutto gli uomini oltre i 35 anni: sono infatti negativi i dati che riguardano la disoccupazione giovanile che è aumentata di 0,3 punti percentuali rispetto a dicembre, attestandosi al 33%. Le stime provvisorie dell’Istat mostrano – rispetto a gennaio 2018 – un aumento di 0,4 punti nel tasso di disoccupazione nella fascia fra i 15 e i 24 anni, mentre il tasso di occupazione generale è sceso al 17,4%. Cifre che rimangono comunque lontane rispetto ai picchi della crisi, superiori al 43 per cento, ma  superiori di quasi 14 punti percentuali rispetto ai livelli pre-crisi.

La stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni a gennaio è in calo (-0,2%, pari a -22 mila unità) ma la diminuzione coinvolge solo gli uomini (-33 mila) e si concentra tra i 25-49enni (-48 mila). Il tasso di inattività resta stabile al 34,3% per il terzo mese consecutivo. Nel periodo da novembre 2018 a gennaio 2019 al lieve calo degli occupati si associa un aumento delle persone in cerca di occupazione (+1,3%, pari a +35mila) mentre diminuiscono gli inattivi (-0,4%, -53mila). Nei dodici mesi invece, la crescita degli occupati si accompagna al calo dei disoccupati (-5,0%, pari a -144mila unità) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-1,0%, -129mila).