Dopo il richiamo dell’Agcom per il rispetto del pluralismo nell’informazione in vista delle prossime elezioni e dopo la conferma ufficiale sulla prossima approvazione del piano industriale da parte del direttore della Tgr, Alessandro Casarin, il presidente della Commissione di Vigilanza, Alberto Barachini, ha convocato  l’amministratore delegato Rai, Fabrizio Salini. Nella lettera di convocazione si citano anche i riscontri giunti alla bicamerale “per il tramite dell’Osservatorio di Pavia, sulla presenza di esponenti politici in varie trasmissioni”.

“Come le è noto – si legge nella convocazione – l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha richiamato l’Azienda a rispettare il pluralismo nell’informazione, in particolare in vista dell’imminente campagna per le elezioni europee, regionali e amministrative. A questo riguardo è anche pervenuta alla Commissione una serie di riscontri, per il tramite dell’Osservatorio di Pavia, sui dati monitoraggio in merito alla presenza di esponenti politici in varie trasmissioni televisive, riferiti dall’onorevole Mulè nella riunione dell’Ufficio di Presidenza integrato dai rappresentanti dei Gruppi, tenutasi il 13 febbraio. Inoltre sono ormai confermate le notizie sull’approvazione a breve del piano industriale della Rai da parte del consiglio di amministrazione. A nome della Commissione che ho l’onore di presiedere le richiedo pertanto con cortese sollecitudine la disponibilità ad una sua audizione, con particolare riferimento alle questioni sopra richiamate”.

Su Twitter commenta la notizia il deputato del Partito democratico e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi: “Barachini convoca Salini dopo le ripetute violazioni del pluralismo, messe agli atti in ben due delibere Agcom. Bene, è stata accolta la richiesta del Pd. L’amministratore delegato del servizio pubblico deve dare spiegazioni e disporre il doveroso riequilibrio”, scrive Anzaldi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai2, interrogazione della Lega. Che attacca Freccero: “Torna Santoro?”. Il servizio pubblico smentisce

prev
Articolo Successivo

Conte, lettera a Repubblica: “Dal governo 11 miliardi per la sicurezza del territorio. Segnalo visto che non l’avete scritto”

next