“Abbiamo costantemente 40-50 posizioni aperte. Cerchiamo soprattutto ingegneri, ma non li troviamo”. A dirlo è il direttore Risorse umane di GFT Italia, Fabio Bertolini. GFT è una multinazionale tedesca che si occupa di sviluppare sistemi informatici e ha, come propri clienti, banche e assicurazioni. In Italia conta 700 dipendenti e otto sedi, sparse nel Centro-Nord. “L’ingegnere informatico è merce rara – continua Bertolini – per ogni neolaureato, in media, ci sono almeno tre aziende pronte ad accaparrarselo. Noi siamo in contatto con le maggiori università italiane, come il Politecnico di Milano, quello di Torino e l’Università di Salerno. Ma il problema rimane”.

Il Politecnico di Milano offre un servizio che unisce il mercato del lavoro ai propri studenti e neolaureati, il Career Service. Con 300 aziende partner, 7mila stage attivati e più di 13mila offerte occupazionali sul proprio portale, solo lo scorso anno 1700 studenti si sono rivolti all’Assessment Center e hanno fatto colloqui con 55 direttori HR. “Spesso incontriamo aziende che ci chiedono un numero maggiore di ingegneri informatici, ingegneri matematici e ingegneri legati all’industria 4.0″ spiega il rettore del Politecnico, Ferruccio Resta. Che ha le idee molto chiare: “Uno studente costa, mediamente, 10mila euro. Se, per esempio, vogliamo aumentare gli iscritti di 5mila unità, bisognerà investire 50 milioni di euro. È un discorso di priorità e di scelte del decisore politico“.

“I nostri stipendi sono in linea con quelli dei competitor – assicura Bertolini – e chi entra in azienda ha subito un contratto a tempo indeterminato. In più garantiamo esperienze all’estero nelle altre sedi di GFT”. Eppure l’azienda è costretta a prendere due strade. Da un parte, quella di “assumere neolaureati con profili diversi che, dopo un periodo di formazione, vengono ‘trasformati’ in sviluppatori”. Dall’altra quella di “affidare parte del lavoro italiano a ingegneri all’estero, come in Polonia e in Brasile”.

Twitter: @AlbMarzocchi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon, sciopero driver in Lombardia. Landini: “Non si può essere poveri lavorando”. Sit-in rider davanti alla Casaleggio Associati

next
Articolo Successivo

Tutto quello che c’è da sapere sullo smartworking (soprattutto per le categorie a rischio)

next