Alcune migliaia di persone hanno partecipato a Taranto alla fiaccolata organizzata dall’associazione dei “Genitori tarantini” in memoria dei bambini morti di cancro e di tutte le vittime di malattie che si ritengono connesse all’inquinamento. Il sindaco ha proclamato un lutto cittadino simbolico e diversi esercizi commerciali hanno abbassato le saracinesche al passaggio del corteo silenzioso, partito dall’ingresso principale dell’Arsenale. Presenti anche Carla Luccarelli e Angelo Di Ponzio, i genitori di Giorgio il ragazzo di 15 anni, morto un mese fa per una rara forma di sarcoma. Insieme a loro i genitori di tanti altri bambini scomparsi negli ultimi anni. Gli organizzatori avevano chiesto che non ci fossero striscioni o insegne di partiti e così è stato. Al corteo silenzioso solo tante croci bianche e i cartelli con le foto dei piccoli e la scritta ”io dovevo vivere”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vaccini, medico: “Cerco bimbo con parotite per esperimento”. Poi ritratta: “Ricerca sospesa”

prev
Articolo Successivo

Trenord, M5s chiede di visitare l’impianto manutentivo dopo denuncia sindacato. Azienda dice no: “Non avete prerogative”

next