Tra i programmi rivelazione del Nove del 2018, “La Confessione” riparte con un nuovo ciclo di interviste a personaggi iconici del mondo politico, dell’imprenditoria, della cronaca, dello spettacolo e del costume, firmate come sempre dal direttore de ilfattoquotidiano.it, Peter Gomez.

Si parte venerdì 22 febbraio alle 22.45, subito dopo il live di “Fratelli di Crozza” in prima serata, e i protagonisti delle prime due puntate – in onda nella stessa sera – sono il cantante e produttore discografico Gigi D’Alessio e il vincitore del Festival di Sanremo 2019 Mahmood, schizzato in testa a tutte le classifiche con il brano “Soldi”.

Nelle prossime puntate si confesseranno, tra gli altri, Gué Pequeno, Valeria Marini, Fabio Volo, Manuel Agnelli.

“La Confessione” (12 episodi per 30’) è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

La Confessione, Gigi D’Alessio su Nove: “Alla camorra ho regalato canzoni? Andavo a cantare ai matrimoni, non potevo chiedere il certificato penale”

next