Tra i programmi rivelazione del Nove del 2018, “La Confessione” riparte con un nuovo ciclo di interviste a personaggi iconici del mondo politico, dell’imprenditoria, della cronaca, dello spettacolo e del costume, firmate come sempre dal direttore de ilfattoquotidiano.it, Peter Gomez.

Si parte venerdì 22 febbraio alle 22.45, subito dopo il live di “Fratelli di Crozza” in prima serata, e i protagonisti delle prime due puntate – in onda nella stessa sera – sono il cantante e produttore discografico Gigi D’Alessio e il vincitore del Festival di Sanremo 2019 Mahmood, schizzato in testa a tutte le classifiche con il brano “Soldi”.

Nelle prossime puntate si confesseranno, tra gli altri, Gué Pequeno, Valeria Marini, Fabio Volo, Manuel Agnelli.

“La Confessione” (12 episodi per 30’) è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kapp To Cape, su Loft l’avventura da record in bicicletta da Capo Nord a Cape Town: “Conquistiamo l’ignoto”

prev
Articolo Successivo

La Confessione, Gigi D’Alessio su Nove: “Alla camorra ho regalato canzoni? Andavo a cantare ai matrimoni, non potevo chiedere il certificato penale”

next