La Commissione Europea ha finanziato il progetto Biosmart a cui prende parte anche l’Italia, mirato alla realizzazione di imballaggi a base biologica per alimenti. L’obiettivo è ridurre gli sprechi con l’impiego di materiali compostabili, biodegradabili o riciclabili. In più gli imballaggi saranno capaci di monitorare ed estendere la durata di conservazione dei cibi. Ci sono già i primi frutti: un involucro biodegradabile che incorpora un sensore di ossigeno per monitorare lo stato di conservazione degli alimenti.

Biosmart fa fronte a due necessità. La prima è quella di ridurre l’inquinamento dovuto alla grande quantità di imballaggi alimentari in plastica non biodegradabile, a volte in combinazione con altri materiali come l’alluminio. Questo ne rende difficile il riciclaggio. La seconda necessità è quello di ridurre gli sprechi di cibo. Secondo studi citati dalla Commissione Europea, fino al 40% del cibo prodotto a livello globale viene sprecato perché andato a male o mal conservato. Da qui l’idea di trovare soluzioni economiche e impiegabili su larga scala per controllare lo stato dei cibi e prolungarne la conservazione. Si parla di usare sensori, antimicrobici e antiossidanti bioattivi. Biosmart si presenta quindi come soluzione 2-in-1.

La soluzione con sensori di ossigeno integrati nella pellicola bioplastica da imballaggio è volta a rilevare se la pellicola che avvolge le confezioni sia integra o danneggiata. Amaya Igartua del centro di ricerca IK4-Tekniker di Eibar, in Spagna, e coordinatore del progetto, spiega che “monitorando i livelli di ossigeno negli imballaggi per alimenti, è facile capire se l’atmosfera controllata nella confezione è stata alterata a causa della rottura della confezione o del deterioramento del cibo”.

I prossimi obiettivi sono integrare negli imballaggi bio sensori di anidride carbonica e ammine. L’anidride carbonica è tipicamente utilizzata in imballaggi in atmosfera modificata (MAP) per sostituire l’ossigeno come mezzo per inibire la crescita dei batteri. I gas dell’ammina sono quelli che si generano durante la degradazione il pesce o carne. Alti livelli di ammina possono indicare il deterioramento degli alimenti e un potenziale rischio di intossicazione.

Strutturalmente gli imballaggi oggetto di studio sono sia flessibili che rigidi, per far fronte a tutte le necessità oggi soddisfatte dalla plastica. L’ideale è di arrivare a realizzare anche materiali più leggeri per ridurre il peso delle merci e ridurre così l’impatto ambientale che questo fattore ha sul trasporto dei prodotti alimentari.

Il progetto si concluderà nell’aprile del 2021, e il team che lo segue ha già organizzato numerosi eventi internazionali per spingere l’adozione sul mercato di queste soluzioni. Il prodotto con sensori di ossigeno è già stato approvato per l’uso nell’UE, un’adozione su larga scala può favorire ulteriori investimenti a lungo termine per la creazione di altri imballaggi intelligenti a base biologica. Secondo i ricercatori “il potenziale per nuove applicazioni per i materiali biodegradabili è una strada entusiasmante per gli sviluppi futuri”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook può essere una minaccia per le forze armate? Un esperimento della NATO lascia a bocca aperta

next