“Ha passato una notte tranquilla. Non è in pericolo di vita“. A dirlo sono fonti della Lega che rassicurano sulle condizioni di salute del 77enne fondatore del Carroccio, ricoverato in rianimazione all’ospedale di Circolo di Varese dopo il malore accusato giovedì mentre si trovava nella sua casa di Gemonio. “Papà come sempre è un guerriero”, ha fatto sapere il figlio Renzo Bossi, sottolineando che lui e la sua famiglia, in questo momento difficile “stanno sentendo la vicinanza di molte persone, che vogliamo ringraziare. Siamo in attesa dei prossimi esami, dopo la caduta di ieri in casa che gli ha procurato un trauma cranico“, aggiunge.

“Dalle ultime notizie sta meglio, sicuramente si è scongiurato quello che ieri si temeva, cioè che potesse essere un’emorragia cerebrale. Non c’è stato nessun tipo di danno neurologico“. Lo ha fatto sapere il presidente leghista della Regione Lombardia Attilio Fontana. “Pare che si sia trattato di una crisi – ha aggiunto Fontana – determinata dalle alterazioni di alcuni valori del sangue forse causate da alcune medicine che prende. Questo è quello che hanno detto i medici, quindi bene”. Appreso del malore che ha colpito il fondatore della Lega, Fontana ieri sera si è recato all’ospedale di Varese: “Ho incontrato moglie e figli – ha concluso rispondendo alle domande a margine di un evento in Regione -, mi sembravano tutti molto sereni”.

Portato in ospedale a Varese con l’elisoccorso, Bossi è stato sottoposto a una serie di esami, dai quali non è emersa la presenza di emorragie. A fianco del Senatur ci sono la moglie e i quattro figli, che hanno chiesto il più stretto riserbo sulle sue condizioni. Questa mattina Bossi sarà sottoposto a nuovi esami e alle 12 sarà diffuso un bollettino medico da parte dell’ospedale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanità, fondi integrativi? No, sostitutivi: coprono servizi già garantiti dal sistema sanitario. La Camera avvia indagine

prev
Articolo Successivo

L’Aquila, esplosione in una casa ad Avezzano: estratte vive le due persone. Le immagini dei vigili del fuoco

next