Flessione del mercato dell’auto e risultati occupazionali dopo il decreto Dignità. Durante il Question time alla Camera, il ministro del Lavoro e allo Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ha dovuto affrontare questi due temi, sollevati rispettivamente da Guglielmo Epifani (LeU) e Sara Moretto (Pd), con quest’ultima protagonista di uno scambio di battute col vicepresidente del Consiglio sulle vicende di Pernigotti e Blutec di Termini Imerese. “Lo so, dopo le elezioni in Abruzzo vi brucia” ha detto Moretto, interrotta dai deputati dal M5s, “so che lunedì il ministro non si trovava“. Critico anche Maurizio Martina, che ha invitato Di Maio a “uscire dalla bolla che vi siete creati ed entrare nella realtà”. “I sindaci dell’area della Blutec li incontrerò a breve” ha replicato il vicepresidente del Consiglio, che ha aggiunto: “Non strumentalizzate le tragedie, come quella della Pernigotti, per attaccare il governo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Diciotti, Fattori (M5S): “Salvini non ha agito per interesse nazionale. Da governo ammissione di colpa”

next
Articolo Successivo

Abruzzo, Fraccaro: “Dobbiamo comunicare meglio agli italiani, poi capiranno”. Fattori: “Non abbandoniamo gli attivisti”

next