Le piste ciclabili servono? Dov’è meglio predisporle? Un gruppo di ricerca dell’Università di Waterloo, in Canada, ha creato un modello predittivo utile per stimare il numero di passaggi non sicuri sulle arterie urbane, e i miglioramenti che apporterebbe la presenza di una pista ciclabile. I ricercatori hanno raccolto dati pedalando per centinaia di chilometri fra Kitchener e Waterloo, nell’Ontario, con installati sul manubrio sensori di prossimità e una fotocamera. Hanno poi incrociato i dati prodotti con ricerche precedenti.

Il risultato è che le piste ciclabili possono offrire più vantaggi di quanto si pensi in termini di sicurezza sia per i ciclisti, sia per gli automobilisti. Obbligano i veicoli a transitare con maggiore distanza dai ciclisti, e contestualmente ad abbassare la velocità. Chi è alla guida di un veicolo ovviamente non “cerca di spaventare i ciclisti” spiega Bruce Hellinga, professore di ingegneria civile e ambientale all’Università di Waterloo. “In molti casi, semplicemente il conducente non pensa di poter lasciare più spazio fra lui e la bicicletta“. Se c’è una demarcazione netta degli spazi, come appunto una pista ciclabile, le distanze aumentano e scendono i rischi di incidenti.

Foto: Depositphotos

 

Alla luce delle misurazioni effettuate, risulta che su una strada a due corsie i ciclisti, nel 12% del percorso, venivano sorpassati da auto che transitavano troppo vicine. Con una pista ciclabile la percentuale è scesa allo 0,2%. Sulle strade a quattro corsie si è passati analogamente dal 6% allo 0,5%. Con i dati raccolti i ricercatori stanno realizzando un algoritmo di Intelligenza Artificiale capace di analizzare i percorsi urbani e interurbani e individuare la collocazione dei passaggi non sicuri per i ciclisti. Fra i parametri ci sono il volume di traffico e la velocità di transito. Questo dovrebbe portare gli urbanisti a dare priorità alla predisposizione di piste ciclabili, e a collocarle nei punti maggiormente a rischio, ossia non nei quartieri più tranquilli, ma sulle strade più trafficate.

Maggiori informazioni sul modello predittivo sono contenuti nella pubblicazione sulla rivista specializzata Accident Analysis and Prevention.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rifugi automatizzati per gatti randagi, l’Intelligenza Artificiale li riconosce e segnala se sono malati

prev
Articolo Successivo

Com’era l’Europa nell’800? Visitatela con Mapire, le cartine d’epoca online digitalizzate e georeferenziate

next