“Il governo afferma che il problema dell’Italia è la migrazione, ma il vero problema strutturale della nostra società è quello della violenza di genere”. A un mese dall’8 marzo, questa mattina a Milano le attiviste di “Non una di meno” sono scese in piazza Duomo per lanciare lo sciopero femminista globale. Nel mirino delle attiviste, c’è l’atteggiamento del governo in materia di diritti delle donne e il disegno di legge Pillon: “Dopo le lotte degli Settanta – racconta Rosa, una delle attiviste – dobbiamo tornare in piazza per difendere dei diritti conquistati, mi sembra che si stia tornando indietro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Eluana Englaro, dall’incidente alla morte: cronologia di un caso che divise l’Italia

next