“Il governo afferma che il problema dell’Italia è la migrazione, ma il vero problema strutturale della nostra società è quello della violenza di genere”. A un mese dall’8 marzo, questa mattina a Milano le attiviste di “Non una di meno” sono scese in piazza Duomo per lanciare lo sciopero femminista globale. Nel mirino delle attiviste, c’è l’atteggiamento del governo in materia di diritti delle donne e il disegno di legge Pillon: “Dopo le lotte degli Settanta – racconta Rosa, una delle attiviste – dobbiamo tornare in piazza per difendere dei diritti conquistati, mi sembra che si stia tornando indietro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, Consiglio d’Europa invia lettera all’Italia: “Preoccupazione per misure contro Ong e chiusura Cara Castelnuovo”

prev
Articolo Successivo

Eluana Englaro, dall’incidente alla morte: cronologia di un caso che divise l’Italia

next