Un palazzo di otto piani nel XVI arrondissement di Parigi è andato a fuoco nella notte. Secondo il procuratore della capitale francese, Rémy Heitz, almeno 1o persone sono morte nell’incendio, mentre i feriti sono 36, tra cui sei vigili del fuoco. Tre persone sarebbero morte dopo essersi lanciate nel vuoto nel tentativo di sfuggire alle fiamme. Secondo la sindaca del XVI arrondissement, Danièle Gazzi, tra le vittime c’è almeno un bambino piccolo.

Una donna è stata fermata: è un’inquilina che è stata trovata poco distante mentre cercava di dare fuoco a un’auto. Stando alle prime ricostruzioni, la donna ha parlato di una lite con uno dei vicini. Si chiama Essia B. ed era stata dimessa da una settimana dalla clinica psichiatrica di Sainte-Anne, a Parigi. Secondo quanto si apprende, ha trascorso 5 anni in unità di cura psichiatriche.

Dopo un intervento durato cinque ore, poco dopo le sei del mattino, i pompieri sono riusciti a domare l’incendio. I vigili del fuoco, accorsi sulla scena dopo una chiamata arrivata intorno all’una, hanno parlato di “una scena di incredibile violenza“. Lo stabile di otto piani risulta essere stato costruito negli anni Settanta. Si trova al 17 bis di rue Erlanger, in una zona residenziale non molto lontano dalla Tour Eiffel.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camerun, esodo invisibile verso la Nigeria 30mila profughi arrivati dall’Ambazonia. “I cittadini li accolgono nelle loro case”

next
Articolo Successivo

Stato dell’Unione, Trump chiama alla cooperazione ma attacca i democratici e insiste: “Il Muro con il Messico si farà”

next