Immaginatevi di abitare in un appartamento ultra-moderno, in cui elettrodomestici, illuminazione e tutto quello che funziona a energia elettrica è alimentato dalla vostra auto elettrica. Avete letto bene, e non è fantascienza. È frutto di un progetto Nissan basato sulle tecnologie Vehicle-to-Home e Vehicle-to-Grid. In pratica l’auto non è più un oggetto a sé stante, ma diventa parte integrante del sistema energetico domestico, nel momento in cui si collega alla rete elettrica di casa. In questa visione i sistemi energetici di abitazione e automobile si integrano per alimentare case e aziende e immettere energia quando necessario.

Parliamo di un concept, ossia di un progetto che al momento è attivo solo nell’appartamento Nissan Energy Home, presso il quartier generale dell’azienda a Yokohama, in Giappone, e funziona come dimostratore tecnologico. L’automobile è un modello elettrico LEAF standard commercializzato da tempo dalla stessa Nissan. La novità è nell’impianto elettrico dell’abitazione. Per ottimizzare l’energia elettrica e ridurre gli sprechi, l’auto è stata fatta diventare uno strumento per l’accumulo e lo scambio di energia con la rete domestica e quella generale.

Tutto parte dall’assunto che l’auto è un mezzo di trasporto che resta inutilizzato per gran parte del tempo. Nella Energy Home, di giorno i pannelli solari accumulano energia elettrica. Appena la LEAF viene collegata, ricarica la batteria. Quando la batteria è completamente carica, è il veicolo che funge da sistema di stoccaggio, e che soddisfa la domanda di elettricità per l’illuminazione, l’aria condizionata, la televisione e anche la cucina.

Secondo i calcoli di Nissan, basterebbe una minima percentuale della capacità della batteria per soddisfare le necessità di una normale abitazione, lasciando intatte le possibilità di spostamento con l’auto. In altre parole, anche se la sera avete giocato ai videogiochi, cucinato e tenute accese le luci, la mattina potrete andare al lavoro con l’auto elettrica perfettamente ricaricata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Per la prima volta al mondo una mano robotica dotata di sensibilità è stata impiantata in modo permanente, grazie agli scienziati italiani

prev
Articolo Successivo

iRobot Roomba i7+, l’aspirapolvere automatico che svuota da solo il serbatoio ma costa caro

next