Chi deve pagare e come per entrare a Venezia? Ecco un vademecum ad uso di milioni di turisti provenienti da tutto il mondo.

CITTA’ ANTICA E ISOLE – L’area interessata al tributo riguarda il Ponte della Libertà (accesso a Venezia), “Venezia Città Antica” (ovvero il centro storico veneziano) e le isole della Laguna (Lido, Murano, Burano, Torcello, Mazzorbo…; in totale sono 41)

CHI DEVE PAGARE? – Il tributo di accesso è applicato in alternativa all’imposta di soggiorno. Deve pagare ogni persona fisica e avrà validità fino alla mezzanotte del giorno dell’accesso.

QUANTO SI PAGA? – Dall’1 gennaio 2020 saranno 6 euro per tutti i giorni dell’anno, salvo tre tipologie di giornate: “bollino verde” (limitato afflusso) 3 euro;  “bollino rosso” (criticità di persone) 8 euro; “bollino nero” (eccezionale criticità di afflusso) 10 euro.

NEL 2019 – Quota unica di 3 euro (e per l’intero periodo del titolo di viaggio).

NON PAGHERANNO – Residenti nel Comune di Venezia, lavoratori (dipendenti o autonomi, anche pendolari), studenti (anche pendolari), soggetti e componenti dei nuclei familiari che hanno pagato l’IMU nel Comune di Venezia.

CHI È ESENTE:
•    chi soggiorna in strutture ricettive situate all’interno del territorio comunale;
•    residenti Città metropolitana di Venezia;
•    residenti Regione Veneto;
•    possessori di Citypass “Venezia Unica” (navigazione);
•    bambini sotto i 6 anni
•    disabili e accompagnatori;
•    chi pratica terapie riabilitative o accede a strutture sanitarie;
•    chi partecipa a competizioni sportive
•    amministratori e autorità pubbliche (per motivi istituzionali);
•    volontari impegnati in eventi o manifestazioni di Comune e Regione;
•    volontari per emergenze
•    Forze dell’Ordine e Forze Armate, inclusi Vigili del Fuoco;
•    chi ha un contratto d’affitto ad uso non turistico
•   coniuge, convivente, parenti o affini fino al 3° grado di residenti
•   parenti di detenuti;
•   chi partecipa a funerali
•   chi è convocato per ragioni di giustizia.

RIDUZIONI – A chi soggiorna (dal 2020) presso strutture ricettive della Città Metropolitana di Venezia e della Regione Veneto, con esclusione di quelle adibite a locazione turistica.

QUALI “VETTORI”? – Paga chi accede “con qualsiasi vettore pubblico o privato, che svolge servizio di trasporto di persone a fini commerciali”: compagnie di navigazione, comprese quelle da crociera; mezzi ferroviari; trasporto pubblico di linea terrestre ed acqueo; trasporto pubblico non di linea come pullman, noleggio con conducente, taxi, anche acquei, e “Lancioni” granturismo; aerei che atterrino al Nicelli del Lido.

COME SI RISCUOTE – Il vettore dovrà riscuotere, unitamente al prezzo del biglietto o al corrispettivo, il contributo di accesso. Dovrà informare l’utente. Poi verserà la somma al Comune.

SANZIONI – Le multe variano a seconda della gravità del caso: dal 100% al 200% per l’omessa, incompleta o infedele presentazione da parte del vettore obbligato alla riscossione; 30% per l’omesso, ritardato o parziale versamento del contributo da parte del vettore; da 100 euro a 450 euro per chi non paga il contributo d’accesso o rilascia dichiarazioni false per non pagarlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lecco, ritrovato Antonio Borghetti: era scomparso da una settimana nei boschi

next
Articolo Successivo

Venezia come un museo: tassa di ingresso da 3 a 10 euro per i non residenti e sistema di prenotazione con costi variabili

next