In caso di eruzione del Vesuvio, i residenti della zona rossa potrebbero rimanere in Campania. Cambio di rotta sul piano di evacuazione della Regione Campania che prevede, in caso di eruzione, che i residenti delle aree più a rischio vengano evacuati e accolti da altre regioni italiane. Si va verso una nuova soluzione: il piano va rivisto. La VII Commissione permanente del Consiglio regionale (Ambiente e protezione civile) ha infatti approvato un ordine del giorno che impegna la Giunta regionale a convocare un tavolo tecnico con la Protezione civile “per l’aggiornamento del Piano di evacuazione dell’area vesuviana, secondo il principio per cui i gemellaggi avvengono all’interno del territorio regionale”. La Commissione invita inoltre la Regione a dotarsi “di un piano di allontanamento regionale della popolazione residente nelle zone rosse, che punti alla valorizzazione delle aree interne della Campania”.

I COMUNI INTERESSATI – Insomma si mette totalmente in discussione il piano di evacuazione elaborato dalla Regione. Con le Direttive del presidente del Consiglio dei Ministri del 14 febbraio 2014 e del 16 novembre 2015 sono state ridefinite, rispettivamente, le nuove zone rosse e gialle connesse al rischio vulcanico nella Regione Campania. La zona rossa comprende 25 comuni, mentre nella zona gialla ne ricadono 63. Secondo l’attuale piano di evacuazione i gemellaggi prevedono che i residenti di Portici siano evacuati in Piemonte, quelli di Nola in Valle D’Aosta, di Torre del Greco e Somma Vesuviana in Lombardia, quelli di Cercola in Liguria, i residenti di Pollena Trocchia in Trentino Alto Adige, di Palma Campania in Friuli Venezia-Giulia, di Ercolano in Emilia Romagna, di San Giorgio a Cremano in Toscana, di San Giuseppe Vesuviano e Sant’Anastasia (compreso Pomigliano D’Arco) in Veneto, di San Gennaro Vesuviano in Umbria, di Poggiomarino nelle Marche, di Ottaviano e delle circoscrizioni di Napoli nel Lazio, di Terzigno in Abruzzo, di Massa di Somma in Molise, di Torre Annunziata e San Sebastiano al Vesuvio in Puglia, di Boscotrecase in Basilicata, di Boscoreale in Calabria, di Scafati e Trecase in Sicilia e di Pompei in Sardegna. Si tratta di circa un milione e 250mila persone da evacuare, di cui 700mila per l’area vesuviana e 550mila per l’area flegrea. Secondo l’ultimo aggiornamento del piano del governatore Vincenzo De Luca, l’evacuazione dovrebbe avvenire in 72 ore con l’utilizzo di 500 bus e 220 treni al giorno. In alto mare, però, l’iter per la firma dei protocolli di gemellaggio. A questo punto, però, potrebbe saltare tutto. O meglio, i protocolli restano, ma cambiano le località da individuare per i gemellaggi.

L’ODG DELLA COMMISSIONE AMBIENTE – La Commissione Ambiente, infatti, ha svolto un ciclo di audizioni con le associazioni del territorio, per valutare lo stato di attuazione delle attività di previsione e prevenzione avviate in collaborazione con la Protezione Civile, nell’ambito delle quali sono emerse alcune valutazioni sulla necessità che i piani di evacuazione prevedano una più stretta sinergia con i territori limitrofi in ambito regionale. “I gemellaggi – si legge nell’ordine del giorno – non possono essere legati esclusivamente all’accoglienza dei rifugiati, ma devono creare condizioni strutturali, in sinergia con i territori interessati, valorizzando i rispettivi processi economici, culturali e sociali”.

L’IMPEGNO PER LA GIUNTA – Il documento impegna così la giunta regionale a ridefinire i gemellaggi “al fine di ridurre i centri decisionali per la gestione del rischio” e “limitare i fenomeni di spopolamento di diverse aree della Campania”. L’odg del giorno sollecita la giunta anche all’organizzazione, in via sperimentale e sotto la supervisione e il coordinamento della Protezione civile, di una esercitazione che interessi almeno 40mila cittadini vesuviani, che dovranno raggiungere i comuni di accoglienza, individuati tra quelli delle aree interne soggette a spopolamento e con surplus abitativi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Foibe, FdI e Lega accusano l’Anpi Parma: “Promuove evento negazionista”. “Falso”. Salvini: “Rivedere i contributi”

next
Articolo Successivo

Lecco, ritrovato Antonio Borghetti: era scomparso da una settimana nei boschi

next