Una basilica gremita, quella di piazza della Nunziata, a Genova, ha voluto dare l’ultimo saluto a Prince Jerry Igbinosun. Venticinquenne originario della Nigeria, arrivato in Italia dopo due anni di viaggio e una laurea di biochimica in tasca, sicuro di riuscire a farsi riconoscere gli studi e seguire i suoi sogni di una vita migliore qui, dove l’unico modo per arrivare è affidarsi agli scafisti e tentare la via del mare.

Sopravvissuto al deserto, agli aguzzini libici e al Mediterraneo, per due anni e mezzo ha atteso il verdetto della Commissione chiamata a valutare la sua richiesta d’asilo. Raccontano i suoi amici che Jerry si era dimostrato fino alle ultime settimane sicuro e ottimista di potersi ambientare a Genova, dov’era stato accolto prima in un’appartamento della cooperativa ‘Un’altra storia’ della pastorale Migrantes dell’arcidiocesi, in centro storico, poi al Campus di Coronata e infine a Multedo, un anno e mezzo fa.

Viene descritto come un ragazzo molto preciso e diligente, a volte polemico ma mai conflittuale con gli altri ospiti accolti nella struttura o con gli operatori, Jerry aveva imparato un ottimo italiano anche grazie all’impegno nelle tante attività a cui aveva preso parte nell’attesa dell’esito dell’estenuante iter di accettazione della domanda d’asilo.

Volontario alla Comunità di Sant’Egidio, era riuscito a svolgere tre borse lavoro tra le quali una con lo ‘Staccapanni’ della fondazione Auxilium. “Un ragazzo modello – lo ricorda Omar Jallow, coinquilino per il primo anno nel quartiere della Maddalena, che lo ha incontrato ancora la scorsa settimana – che era certo di vedersi accettata la richiesta di asilo e aveva sempre una buona parola e un consiglio da dare a tutti”. Notizia, del diniego della sua domanda arrivato dalla Commissione, riunitasi a giugno ma in grado di produrre l’esito solo a dicembre, sei mesi dopo. Forse avrebbe potuto fare ricorso, chiedere la protezione umanitaria, un permesso temporaneo che, se è vero che il decreto sicurezza voluto dal governo giallo-verde ha spazzato via, nel suo caso si sarebbe potuto applicare in quanto la legge voluta da Salvini non ha valore retroattivo, e qualsiasi richiesta precedente il mese di ottobre va valutata con la legge precedente. Eppure, anche queste, sono solo speculazioni, “che preferiamo evitare perché l’importante oggi è ricordare chi era Prince Jerry, accettare questa dura prova per provare a essere più umani, più capaci di ascoltare e di stare vicino ai più fragili” commenta don Giacomo Martino, chiamato martedì a Tortona a riconoscere ‘quel che restava’ del corpo flagellato del giovane, finito sotto a un treno, ennesima vittima del clima di ansia, abbandono e insicurezza che spesso respirano i richiedenti asilo in Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Militari, Ultimo in corsa per la presidenza del Sindacato italiano militare carabinieri: “Sarebbe un grandissimo onore per me”

next
Articolo Successivo

Sea Watch, l’Italia ha seguito l’esempio di Malta. E ha centrato l’obiettivo

next