carabinieri di Legnano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Milano nei confronti di 5 italiani – tra i 30 ed i 50 anni, pregiudicati – ritenuti responsabili, a vario titolo, di incendio doloso, furto aggravato e simulazione di reato.

Le indagini, coordinate dalla procura della Repubblica di Milano, erano state avviate dopo un furto seguito da un incendio doloso, avvenuto nella notte dell’8 ottobre 2017, ad Arluno, all’interno del centro commerciale “Ara Luna”, dove due persone dopo aver sfondato una porta a vetri, si erano introdotte all’interno della pasticceria “Vivian’s”. I due avevano rubato l’incasso e utilizzando del liquido infiammabile, avevano dato fuoco al locale.

La successiva attivazione dell’impianto “antincendio” provocava l’allagamento dell’intero centro commerciale con ingenti danni anche ad altri negozi. Le investigazioni hanno consentito di identificare i 7 responsabili dell’azione delittuosa. Due persone sono state deferite per “simulazione di reato” poiché, per depistare le indagini, avevano falsamente denunciato il furto dell’autovettura utilizzata per raggiungere il centro commerciale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Padova, la Cassazione: devono essere processati i genitori della ragazza malata di leucemia che rifiutò le cure tradizionali

prev
Articolo Successivo

Riforma Orlando su riti alternativi, gip Napoli respinse giudizio abbreviato ma Corte d’assise gli restituisce atti

next