“Non abbiamo mai avuto governi amici, ma abbiamo imparato a contare solo sulle nostre forze delegando il meno possibile”. In attesa della pubblicazione dell’analisi costi benefici sul Tav, in Val di Susa regna la diffidenza verso il Movimento 5 Stelle che negli anni ha fatto della lotta contro il treno ad alta velocità uno dei cavalli di battaglia: “Qui sono diventati il primo partito negli anni, ma se cedessero sul Tav prenderanno una bella batosta”. Ogni ipotesi di mediazione e di “piccolo treno” non è contemplata: “Le mediazioni sono enormi menzogne, il piccolo treno è il grande treno dilazionato nel tempo, il piccolo treno noi ce l’abbiamo ed è la linea”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sea Watch, ecco i minori a bordo: il più piccolo ha 14 anni, poi 16enni e 17enni Psichiatra: “Loro situazione è devastante”

next
Articolo Successivo

“Cineca chiese rimborsi per i ricercatori sia all’Ue che al Miur”, l’indagine che rischia di farci perdere 240 milioni di euro

next