“Non abbiamo mai avuto governi amici, ma abbiamo imparato a contare solo sulle nostre forze delegando il meno possibile”. In attesa della pubblicazione dell’analisi costi benefici sul Tav, in Val di Susa regna la diffidenza verso il Movimento 5 Stelle che negli anni ha fatto della lotta contro il treno ad alta velocità uno dei cavalli di battaglia: “Qui sono diventati il primo partito negli anni, ma se cedessero sul Tav prenderanno una bella batosta”. Ogni ipotesi di mediazione e di “piccolo treno” non è contemplata: “Le mediazioni sono enormi menzogne, il piccolo treno è il grande treno dilazionato nel tempo, il piccolo treno noi ce l’abbiamo ed è la linea”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sea Watch, ecco i minori a bordo: il più piccolo ha 14 anni, poi 16enni e 17enni Psichiatra: “Loro situazione è devastante”

next
Articolo Successivo

“Cineca chiese rimborsi per i ricercatori sia all’Ue che al Miur”, l’indagine che rischia di farci perdere 240 milioni di euro

next