Ieri Amazon ha annunciato la disponibilità di Echo Input, un accessorio che sfrutta il connettore AUX (la comune presa jack) o il Bluetooth per poter usare l’assistente vocale Alexa su qualsiasi altoparlante. È un prodotto che si può collegare a vecchi altoparlanti, ma che può valorizzare e rendere più utili anche i modelli nuovi che non supportano nativamente l’assistente vocale di Amazon. Per esempio, gli Ultimate Ears Boom 3 e Megaboom 3 che abbiamo avuto modo di provare di recente. Si tratta di due prodotti che sono identici per funzioni e caratteristiche speciali, e che si differenziano per qualità audio, potenza e autonomia. Anche i prezzi divergono: il Boom 3 costa 150 euro, il Megaboom 3 costa 200 euro.

In entrambi i casi si tratta di prodotti dalla forma cilindrica, con la parte superiore e inferiore in gomma antiscivolo, e quella centrale rivestita in tela. Una delle caratteristiche più interessanti è che sono impermeabili. Si possono quindi usare in casa e in giardino, ma anche a bordo piscina: se per caso dovessero cadere in acqua, galleggerebbero. Questo li rende prodotti versatili, da usare per ascoltare la musica sia da soli, sia nelle feste con gli amici. A distinguere i due modelli è la dimensione: il Boom 3 è un po’ più compatto.

Nella confezione sono inclusi un alimentatore per la ricarica rapida delle batterie incorporate e un cavo micro USB. Avremmo preferito che al suo posto ci fosse un USB C, decisamente più al passo con i tempi. Peccato che non sia in dotazione il jack da collegare al connettore AUX (la classica presa per le cuffie audio).  Non è difficile da procurare, ma è un passaggio in più da fare se si vogliono collegare dispositivi non dotati di Bluetooth.

Nella parte alta sono integrati tre pulsanti: accensione, multifunzione e quello per associare dispositivi Bluetooth. Qui emerge la prima curiosità: usando l’apposita applicazione da smartphone si possono collegare insieme fino a 150 altoparlanti e fare in modo che riproducano la musica in sincrono. Difficilmente ne userete così tanti, ma è bene sapere che se per una festa servisse qualche altoparlante in più, sarebbe possibile collegarlo e sincronizzarlo.

Passiamo alla qualità audio, che è il primo elemento a distinguere l’UE Boom 3 dal Megaboom 3. Il secondo è uno dei prodotti migliori nella sua categoria di prezzo. Fornisce bassi profondi, una riproduzione pulita e godibile a qualsiasi volume. L’UE Boom 3 ha una qualità più che discreta, ma non al livello del fratello maggiore. Il suono risulta meno ricco e meno squillante. Vale la pena prenderlo in considerazione se il vostro budget vi impone di risparmiare 50 euro, oppure se per voi la portabilità è di primaria importanza, dato che è più piccolo e leggero. Se la vostra priorità è la qualità audio, il Megaboom vince su tutti i fronti.

Anche considerando l’autonomia, è meglio optare per il Megaboom: resta acceso 20 ore in riproduzione, anche con un volume di ascolto piuttosto alto. L’UE Boom 3 non va oltre le 15 ore, che è un risultato comunque apprezzabile, ma inferiore. Non ultimo, il modello UE non integra un microfono.

Con il Megaboom 3 l’azienda fatto un buon lavoro, ottimizzando ciò che conta: la qualità audio, l’autonomia e la ricezione. Il prezzo è alto, ma permette di avere uno dei migliori prodotti della categoria. Se per voi costa troppo, l’UE Boom 3 è meno costoso, ma impone qualche rinuncia, a parità di praticità d’uso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Thor inaugura l’app Centr per tenervi in forma come un dio del tuono

prev
Articolo Successivo

Facebook annuncia un giro di vite sul rispetto del regolamento da parte di Pagine e Gruppi

next