Dopo l’ultimo titolo, Ristora ritira la pubblicità da Libero. Come riporta il sito Lettera43, il marchio di bevande solubili, che fa capo all’azienda bresciana Prontofoods, ha deciso di non comparire più nelle prime pagine del quotidiano fondato da Vittorio Feltri, dopo le polemiche seguite alla scelta di accostare dati economici e omosessualità. “Calano fatturato e pil ma aumentano i gay”, questo il titolo in questione del quotidiano diretto da Pietro Senaldi.

“Abbiamo ricevuto una valanga di critiche e di insulti – spiega al sito Lettera43 un portavoce aziendale – ed è la terza o quarta volta che succede per un titolo di Libero. Ci hanno detto che siamo conniventi, ma noi pianifichiamo e compriamo la pubblicità con programmi trimestrali e non possiamo certo conoscere i titoli in anticipo”.

Tante le telefonate infuriate ricevute dall’azienda, a quanto emerge. Tra chi aveva chiesto un segnale da parte di Ristora, anche l’europarlamentare del Pd Daniele Viotti aveva scritto all’azienda chiedendo di dissociarsi. Richieste accolte da Ristora, che ha preferito interrompere il rapporto con il giornale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libero, Ordine giornalisti apre pratica sul titolo contro i gay. M5s: “Via i fondi”. Feltri si difende: “Si basa sui fatti”

prev
Articolo Successivo

Omicidio Meredith, Corte europea: “Italia paghi 18mila euro ad Amanda Knox, violati diritti della difesa”

next