“Anche io sono stata una richiedente asilo clandestina e so cosa si trova ad esser straniera nella terra di nessuno, ma come faccio a gridarlo a chi vuole i muri?”. Liliana Segre, senatrice a vita e sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti, ricorda la sua vita agli studenti milanesi dal palco del Teatro alla Scala. Tanta la commozione tra i presenti, anche da parte di Enrico Mentana, moderatore dell’evento, che si è mostrato particolarmente sensibile, con la voce rotta dall’emozione per il fatto di trovarsi “nella sua Milano”, città che ha definito come “capitale della libertà”, dal 25 aprile 1945.

Tanti i ricordi ripercorsi da Liliana Segre, che ha vissuto nuovamente l’odissea della sua famiglia. Partendo da quando a otto anni le fu impedito di entrare a scuola, passando per la deportazione nei campi di sterminio tedeschi e terminando con la fine della seconda guerra mondiale, con la liberazione dal totalitarismo nazifascista: “Mai credere ai totalitarismi, bisogna fare una scelta, sempre”, ha ripetuto più volte ai ragazzi presenti in sala, studenti che hanno ceduto alle lacrime per il racconto che hanno sentito.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, l’attivista Brhane: “Frustate e stenti, ecco cosa significa essere riportati in Libia. Io so, perché l’ho vissuto”

next
Articolo Successivo

Carcere, ci può essere rieducazione? Dal Messico a Bollate, il metodo che riduce i conflitti tra detenuti

next