“Anche io sono stata una richiedente asilo clandestina e so cosa si trova ad esser straniera nella terra di nessuno, ma come faccio a gridarlo a chi vuole i muri?”. Liliana Segre, senatrice a vita e sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti, ricorda la sua vita agli studenti milanesi dal palco del Teatro alla Scala. Tanta la commozione tra i presenti, anche da parte di Enrico Mentana, moderatore dell’evento, che si è mostrato particolarmente sensibile, con la voce rotta dall’emozione per il fatto di trovarsi “nella sua Milano”, città che ha definito come “capitale della libertà”, dal 25 aprile 1945.

Tanti i ricordi ripercorsi da Liliana Segre, che ha vissuto nuovamente l’odissea della sua famiglia. Partendo da quando a otto anni le fu impedito di entrare a scuola, passando per la deportazione nei campi di sterminio tedeschi e terminando con la fine della seconda guerra mondiale, con la liberazione dal totalitarismo nazifascista: “Mai credere ai totalitarismi, bisogna fare una scelta, sempre”, ha ripetuto più volte ai ragazzi presenti in sala, studenti che hanno ceduto alle lacrime per il racconto che hanno sentito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, l’attivista Brhane: “Frustate e stenti, ecco cosa significa essere riportati in Libia. Io so, perché l’ho vissuto”

prev
Articolo Successivo

Carcere, ci può essere rieducazione? Dal Messico a Bollate, il metodo che riduce i conflitti tra detenuti

next