Due navi in fiamme nelle acque dello Stretto di Kerch, che separa la Crimea dalla Russia. Su una delle due navi, in particolare, si sarebbe verificata un’esplosione che avrebbe provocato l’incendio. Le fiamme, quindi, si sarebbero propagate alla seconda nave. I due equipaggi sarebbero formati rispettivamente da 17 e 14 uomini, compresi cittadini turchi e indiani.  L’Agenzia russa per il Trasporto marittimo e navale ha confermato la morte di dieci persone nell’incendio. All’appello mancano ancora sette marinai, mentre 14 sono stati tratti in salvo e i feriti saranno ricoverati in ospedale a Kerch. Lo riporta la Tass

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Moneta coloniale’, ambasciatrice italiana convocata dalla Francia dopo le frasi di Di Maio. Moscovici: “Provocazioni”

next
Articolo Successivo

Tensione Italia-Francia, Moscovici: “Dal governo italiano affermazioni inutili, assurde e ostili”

next