Catturato l’ultimo respiro di una stella morente: è l’alone di gas emesso prima di spegnersi definitivamente dalla durata di un ‘battito di ciglia’ in termini astronomici, ma lungo 10.000 anni. A catturarlo, in un’immagine spettacolare è stato il Very Large Telescope dell’Eso (European southern observatory) in Cile, nell’ambito del programma Gemme Cosmiche.

Si tratta dell’estremo e debole bagliore emesso dalla nebulosa planetaria ESO 577-24. La nebulosa planetaria è il resto di una stella gigante che morendo ha lanciato via i propri strati esterni, lasciandosi dietro una piccola e caldissima stella nana, che si raffredderà gradualmente fino a svanire completamente. Le giganti rosse sono stelle alla fine della propria vita, che hanno esaurito l’idrogeno combustibile nel nucleo e hanno iniziato a contrarsi sotto la morsa della gravità. Mentre la gigante rossa si contrae, l’immensa pressione riaccende il nucleo della stella, facendole lanciare nel vuoto gli strati esterni sotto forma di un potente vento stellare. Il nucleo incandescente della stella morente emette radiazioni ultraviolette abbastanza intense da ionizzare questi strati e farli brillare.

Foto: Credit Eso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Talassemia beta, così la terapia genica potrebbe aiutare a non dipendere più dalle trasfusioni di sangue

prev
Articolo Successivo

Intelligenza artificiale, ecco Claire il laboratorio che si ispira al Cern. Il papà della robotica: “Serbatoio di eccellenze”

next