Nuove accuse nei confronti degli uomini accusati degli abusi e della morte di Desirée Mariottini. Il 27 settembre senegalese Mamadou Gara, indagato nell’inchiesta per la morte dell’adolescente, avrebbe avuto rapporti sessuali anche precedentemente ai fatti avvenuti il 18 ottobre scorso quando la giovane venne trovata morta in uno stabile abbandonato nel quartiere San Lorenzo.

È quanto emerge dall’inchiesta della Procura di Roma che contesta all’uomo, già accusato di omicidio volontario e violenza sessuale, anche la prostituzione minorile. Per la vicenda Mariottini i magistrati contestano allo stesso Gara e a Yusif Salia, ghanese 32enne, il reato di spaccio di sostanza stupefacente aggravato dalla minore età della vittima. Il pm di piazzale Clodio, coordinati dal procuratore aggiunto Maria Monteleone, contestano ai due e agli altri indagati (Chima Alinno, 46 anni nigeriano e Brian Minthe, 43 anni senegalese) ora anche lo spaccio di sostanze stupefacenti ad altre persone per fatti precedenti al 18 ottobre.

Secondo la ricostruzione della procura, quando morì, la sedicenne frequentava lo stabile abbandonato in Via dei Lucani da quasi due settimane: lì si procurava la droga e la consumava. Quando si è sentita male, nessuno ha chiamato il 118 e la giovane, ridotta all’incoscienza, è stata violentata. Desirée non si è opposta in alcun modo: non poteva farlo perché non era in sé, non si reggeva in piedi mentre gli aggressori, senza nessuna pietà le erano addosso. Chi ha abusato di lei, subito dopo l’ha abbandonata sola, a terra, tremante, si è allontanato e l’ha lasciata morire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stefano Cucchi, le pressioni sul carabiniere-testimone: “Bisogna avere spirito di corpo. Aiutare i colleghi in difficoltà”

prev
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, il carabiniere al collega testimone: “Ha detto il comandante che dobbiamo aiutare i colleghi in difficoltà”

next