Un presidio contro il “revisionismo storico” perché neppure i gesti più piccoli passino inosservati. A Bologna l’Anpi, l’associazione nazionale partigiani, è scesa in strada in dissenso con la presentazione di “Compagno Mitra”, libro di Gianfranco Stella, autopubblicato, dall’eloquente sottotitolo “Saggio storico di atrocità partigiane”.
“Un libro che oltraggia la memoria e infanga la Resistenza, per di più ospitato in una sede istituzionale che il Comune non avrebbe dovuto concedere” dicono i militanti in presidio. “Si tratta di un’invettiva senza alcun fondamento scientifico, senza citazioni e senza fonti, ma solo calunnie, un’operazione politica volta a screditare la resistenza” spiega Anna Cocchi, presidente della sezione di Bologna dell’Anpi. “L’Italia non ha mai fatto pienamente i conti con il fascismo”.
“Finalmente una verità a lungo rimasta oscura viene a galla” replica dalla sala chi ha ascoltato la presentazione di Stella. “Finché una parte sostiene di essere buona facendo passare gli altri per cattivi non si andrà mai da nessuna parte”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Luca Turchetto ed Edith Blais sono stati rapiti in Burkina Faso”. Il premier canadese incontra i familiari: “È viva”

next
Articolo Successivo

Matera Capitale europea della Cultura 2019, Conte alla cerimonia inaugurale: “Da qui deve partire la riscossa del Sud”

next