La Commissione Europea ha finanziato il progetto OPERANDO per aiutare i cittadini comunitari a gestire con più facilità ed efficienza la propria privacy. Le norme sulla privacy abbondano, e non mancano le multe comminate a chi fa un uso non autorizzato dei dati. Ma le persone comuni faticano comunque a gestire le autorizzazioni dall’accesso dei propri dati.

Tralasciando il fatto che tuttora molti utenti di Internet sono inconsapevoli del fatto che i loro dati vengano spesso trasmessi da un fornitore di servizi online a un altro, quello che si è preposta la Commissione è di fornire strumenti efficaci a chi cerca di controllare che fine fanno i propri dati.

Il “come” è una piattaforma sviluppata nell’ambito del progetto OPERANDO. Per toccarlo con mano vi basta collegarvi al sito PlusPrivacy. Troverete un’interfaccia semplice e comprensibile che vi permetterà in pochi passaggi di scegliere le vostre impostazioni di privacy per tutti i social network a cui siete iscritti. Basta, per esempio, decidere che non volete rendere pubblica la vostra data di nascita, che verrà depennata da tutti i social network in un solo passaggio.

Non solo: il controllo si può effettuare anche sulle estensioni del browser Chrome e le app Web collegate agli account Facebook, Twitter e LinkedIn. Basta un clic per disabilitare o disinstallare qualsiasi estensione o app che a vostro avviso violi la vostra privacy.

Non vi basta? Ecco lo strumento per mantenere anonimo il vostro indirizzo di posta elettronica, creando fino a 20 identità alternative che figureranno a chi riceve la vostra posta, e la funzione per bloccare pubblicità e tracker. Non è ancora disponibile, ma è in sviluppo il servizio “privacy-for-benefit” che offrirà ai consumatori la possibilità di consentire o meno il commercio dei propri dati privati ​​a vantaggio economico di un servizio online.

Da notare che per ciascuna scelta è raccomandata quella più conservativa per la privacy, quindi a chi volesse tenere il massimo riserbo attorno a sé basta spuntare le caselle già evidenziate.

Se non conoscevate questa pagina web vi consigliamo di provarla: per registrarvi bisogna attivare un’estensione del browser Chrome. Tenete conto che è disponibile anche una versione per smartphone e tablet.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Recensione dello smartphone Huawei P Smart 2019: prezzo, autonomia e design buoni, prestazioni migliorabili

prev
Articolo Successivo

Onimusha: Warlords, il ritorno del primo capitolo dell’action-horror medievale di Capcom – la nostra prova

next