“Sono soddisfatto delle parole, ora aspettiamo i fatti, io gli ho messo in mano un elenco di 670 persone già ricollocabili dall’Italia da oggi pomeriggio. Il 2019, finora, è il primo anno e unico dove ci sono stati più espulsioni che arrivi”. Lo afferma il vicepremier Matteo Salvini in conferenza a Palazzo Chigi parlando dell’incontro con il commissario Ue Dimitri Avramopoulos. “Se si vuole sostenere l’Italia – ha continuato – si può subito passare ai fatti”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini in conferenza stampa a palazzo Chigi.

“E’ chiaro – gli ha fatto eco il presidente del consiglio Giuseppe Conte – che in un sistema del genere, in cui non si regolano i flussi e si gestiscono in un contesto europeo, questo sistema è inaccettabile: l’accoglienza indiscriminata diventa finta, è mancata integrazione. Il Paese non se lo può permettere più. Se il problema è lasciare l’Italia da sola, o avere solo 4 o 5 Paesi disponibili, noi non lo possiamo accettare. Continuiamo con la linea di assoluto rigore”. E, puntualizza: “Non c’è stata assolutamente diversità di posizione (tra me e il vicepremier Salvini, ndr), anche io ho anticipato una lista. Poi ho detto ad Avramopoulos che al Viminale la lista delle persone da ricollocare sarebbe stata più dettagliata. L’Italia è un Paese serio ma non siamo Alice nel Paese delle Meraviglie, pretende reciprocità, che anche gli altri mantengano gli impegni”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fontana di Trevi, Raggi: “Monete restano alla Caritas”. E rilancia: “All’ente anche quelle delle altre fontane di Roma”

next
Articolo Successivo

Tav, Di Maio: “Se analisi costi benefici boccia l’opera, si blocca il processo di costruzione”

next