La Polizia di Stato di Ragusa ha smascherato un truffatore seriale napoletano che agiva in tutta Italia. L’uomo è stato arrestato dopo accurate indagini avviate dalla squadra mobile, guidata dal vicequestore aggiunto Antonino Ciavola, a seguito di numerose truffe consumate ai danni di anziane signore sicilaine. Fondamentale la collaborazione delle vittime che hanno riconosciuto il malvivente dopo lo choc del reato subito. Telefonicamente si spacciava per avvocato o maresciallo e chiedeva 5mila euro per risarcire la vittima di un incidente stradale causato dal nipote privo di copertura assicurativa e che per questo si trovava in stato di fermo in caserma e non poteva avere contatti telefonici.

È possibile che siano ancora numerosissime le vittime del truffatore sull’intero territorio nazionale. “Chiunque dovesse riconoscere l’autore del reato è pregato di recarsi presso gli uffici della Polizia di Stato più vicini al luogo di residenza per denunciare i fatti”, dicono dalla Questura di Ragusa. Il bottino di ogni truffa superava le migliaia di euro con richieste fino a 30mila euro e quando le vittime non avevano tutto il denaro, il truffatore si faceva consegnare oggetti in oro. Complessivamente ha truffato ragusani per oltre 25mila euro in quattro occasioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bari, bimbi e ragazzi autistici picchiati e legati alle sedie: ai domiciliari quattro dipendenti di un centro di riabilitazione

prev
Articolo Successivo

Bari, bambini autistici legati alla sedia con le bocche tappate: le immagini di botte e insulti in un centro di riabilitazione

next