La Corte d’Appello di Torino ha ribaltato la sentenza di primo grado riconoscendo ai rider il diritto ad avere una somma calcolata sulla retribuzione stabilita per dipendenti del contratto collettivo logistica-trasporto merci. “Non eravamo dei folli quando affermavamo che queste persone avevano dei diritti – ha commentato l’avvocato Giulia Druetta che insieme al collega Sergio Bonetto ha seguito i fattorini -. È la conferma che i diritti esistono”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, dove è nata la protesta dei rider: “Condizioni sempre peggiori. Fino ad oggi dal Governo solo parole”

next
Articolo Successivo

Rider, ministero: “Pronta la norma, entro marzo più tutele”. Sindacati: “No, Di Maio riconvochi tavolo con le aziende”

next