Quanti, pur avendone le capacità e lo status, rinunziano a dire la propria opinione in pubblico per timore di intaccare la carriera? Quanti calciatori, allenatori, critici televisivi? Quanti scienziati, quanti filosofi, quanti imprenditori, quanti giornalisti, quanti politici, quanti cantanti, quanti dirigenti? Claudio Baglioni ha detto quel che pensa, e se lo può permettere. Merita un plauso non foss’altro che per questa considerazione. Sono tanti, troppi che pur avendo la forza economica e la reputazione in ragione del proprio talento, si riducono in un miserevole silenzio per non essere costretti a fronteggiare ipotesi di contrasti o eventi futuri ostili.

La pavidità è un effetto collaterale dell’ambizione. Il male che arreca è enorme, ancorché essa spesso venga contrabbandata come illuminata prudenza.

La pavidità va a braccetto con l’ipocrisia. Sono merci stoccate in quantità industriali al mercato dell’opinione pubblica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Atac, per una volta da Roma una buona notizia (senza esagerare)

prev
Articolo Successivo

Cesare Battisti, se da criminale diviene preda su cui banchettare

next