Si prospetta un lunedì nero per i trasporti il prossimo 21 gennaio. I sindacati del settore hanno infatti dichiarato lo sciopero dei lavoratori sia dei mezzi locali che dei pullman a noleggio su tutto il territorio nazionale. Lo stop interesserà i bus, sia urbani che extraurbani, e le metropolitane per quattro ore, con orari diversi a seconda della località e sempre rispettando le fasce di garanzia. Gli autobus noleggiati invece si fermeranno dalle 10 alle 14.

A proclamare la mobilitazione molte sigle tra cui Cgil, Cisl, Uil, Faisa Cisal e Ugl-Fna. I lavoratori incroceranno le braccia per protestare contro le proposte europee di nuove norme sui tempi di guida e di riposo, come riferiscono le stesse organizzazioni sindacali in un comunicato. Regolamenti che, sottolineano nella nota, di fatto “liberalizzano il mercato internazionale dei servizi di trasporto passeggeri a lunga percorrenza, svolto con autobus e pullman nell’Unione europea”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Politiche attive: ai giovani non mancano competenze di base, ma una formazione sul posto di lavoro

prev
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, Landini: “Controsenso che una parte vada alle imprese che assumono”

next