AnTuTu è il benchmark di riferimento del settore smartphone, e ogni mese pubblica sul suo portale la propria classifica degli smartphone Android più potenti. Sebbene i benchmark non riflettano necessariamente le prestazioni sul campo di un telefono, il test di AnTuTu è senza dubbio quello più consultato. Per questo fa notizia il fatto che a dicembre 2018 si sia classificato al primo posto il Nubia Red Magic Mars, lo smartphone per il mondo dei videogiochi annunciato a fine novembre, caratterizzato da una scheda tecnica da vero top di gamma.

Evoluzione del Red Magic, il primo prodotto Nubia progettato per gli appassionati di gaming, il Mars si era messo fin da subito in mostra per l’avanzato sistema di raffreddamento a liquido ICE che consente una migliore dissipazione di calore anche durante le sessioni di gioco più intense.

A permettergli di scalare la classifica delle prestazioni è stato il processore Snapdragon 845 di Qualcomm, lo stesso che equipaggia anche molti prodotti nell’ultima parte della top 10. In mezzo gli smartphone con processore Kirin 980 di Huawei, che non a caso è presente sulla serie Mate che a novembre svettava. Questo indica che i processori hanno un ruolo determinante nella definizione delle prestazioni degli smartphone. Ma anche che – come dimostra il Nubia Red Magic Mars – con un lavoro ben fatto sul resto del sistema si possono superare le aspettative sulla carta. Nel caso del Nubia, a fare la differenza è stato proprio il sistema di raffreddamento a liquido, che ha massimizzato le prestazioni concorrendo attivamente a raggiungere un punteggio totale di 320.464 punti.

Secondo e terzo classificato di dicembre sono stati rispettivamente il Huawei Mate 20 (309.130 punti) e – per la prima volta – il neonato Honor View 20 (305.525 punti) la cui presentazione europea è attesa per il prossimo 22 gennaio a Parigi.

Seguono a breve distanza Mate 20X e  Mate 20 Pro, sempre di Huawei, e l’Honor Magic 2, posizionati in una forchetta compresa fra 304.096 a 300.978 punti. La classifica non è definitiva: si evolve di mese in mese anche in virtù dei nuovi annunci di prodotto. Da tenere d’occhio in particolare saranno le prestazioni dei modelli equipaggiati con lo Snapdragon 855, che Qualcomm ha presentato il mese scorso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Jabra presenta le cuffie wireless Elite 85H con riduzione attiva del rumore e 32 ore di autonomia

prev
Articolo Successivo

Il distributore automatico funziona senza le monetine, basta un’app. Azienda italiana premiata al CES di Las Vegas

next