È morta per infarto su un’ambulanza, rimasta bloccata dal ghiaccio e dalla neve, lungo la strada provinciale verso l’ospedale “Vittorio Emanuele” di Gela, in Sicilia. La vittima è una donna di 90 anni di Butela, frazione della provincia di Caltanissetta, che i soccorritori stavano trasportando in ospedale con un attacco cardiaco: un tratto di strada ghiacciata ha costretto l’autista dell’ambulanza a fermarsi per montare le catene e il tempo perso per le operazioni di montaggio è stato fatale alla paziente. Inutile anche l’intervento di una seconda ambulanza fatta accorrere da Gela nel tentativo di accelerare i tempi di trasporto in ospedale. Sull’accaduto indagata la Procura di Gela.

Un’ondata straordinaria di freddo e nevesta affliggendo infatti tutta la Sicilia, rendendo impraticabili molte strade e diversi tratti della rete ferroviaria, e creando disagi notevoli agli agricoltori, come riferito dalla Coldiretti. Sulle Madonie si cerca di togliere dall’isolamento le aziende agricole con l’impiego dei trattori. “Abbiamo già allertato gli uffici e gli Ispettorati provinciali per garantire e tutelare gli interessi degli agricoltori siciliani, ai quali esprimo la mia assoluta vicinanza“, ha informato l’assessore regionale per l’Agricoltura, Edy Bandiera.

Ma la neve ha imbiancato tutto il centro-sud. Dal Molise alla Basilicata fino alla Puglia, tanti i disagi su strade e autostrade ma il manto bianco ha trasformato i paesaggi in uno spettacolo unico. In Salento, la neve è arrivata fino all’estremo lembo della Puglia, a Santa Maria di Leuca. Dopo le nevicate sulle spiagge di Porto Cesareo, Otranto e Castro, nella notte i fiocchi hanno imbiancato le scogliere della marina di Castrignano del Capo, da Punta Ristola fino al faro di Punta Meliso. Uno scenario suggestivo anche nell’entroterra salentino con gli uliveti coperti dalla coltre bianca. L’ultima nevicata nel Salento risale a due anni fa, quando il 7 gennaio la neve cadde abbondante per diversi giorni investendo tutta la zona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, i combattenti contro l’Isis: “Procura ha chiesto misure cautelari, ma noi dalla parte giusta. Esigiamo rispetto”

prev
Articolo Successivo

Trieste, vicesindaco leghista getta coperte di un clochard e se ne vanta su Facebook. Pd: “Si dimetta”, Fedriga (Lega): “Falsità”

next