Una donna in coma da oltre 14 anni ha partorito un bambino. È successo alla clinica Hacienda HealthCare di Phoenix, in Arizona, lo scorso 29 dicembre. Sul caso è stata aperta un’indagine della polizia per abuso sessuale. Anticipata dalla Cbs, e riportata da La Stampa e Il Messaggero, la storia è stata confermata anche dalla stessa struttura ospedaliera dove, si presume, la donna abbia subito l’abuso alcuni mesi prima. Oltre all’indagine degli agenti, è stata aperta anche un’inchiesta interna da parte della clinica.

Come riporta il Messaggero, fonti vicine alla struttura sanitaria hanno detto che “il bambino è nato il 29 dicembre e sta bene” e che “nessuno dello staff medico sapeva che era incinta fino a quando non ha praticamente dato alla luce il bimbo”. Per sicurezza adesso è stato stabilito che il personale maschile, prima di entrare nella stanza di una paziente donna, debba essere accompagnato da un’infermiera, così che ogni pratica o tipo di assistenza sia condotta da due operatori.

In attività da oltre 50 anni l’Hacienda ha dichiarato di “godere di un’ottima reputazione fornendo un’assistenza specializzata di alta qualità per i nostri pazienti”. “In qualità di fornitore di assistenza sanitaria – continua la struttura – non possiamo commentare nulla sui pazienti a causa delle leggi sulla privacy federali e statali. Inoltre, non possiamo commentare eventuali indagini in corso. Collaboriamo, su richiesta di qualsiasi agenzia, in modo aperto e trasparente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

California, urla e paura nel bowling: il video subito dopo la sparatoria fatto da un testimone

prev
Articolo Successivo

Gilet gialli, a Parigi 4mila persone per l’8° sabato di proteste: manifestanti sfondano con una ruspa la porta di un ministero

next