Il Sony XF90, che abbiamo avuto modo di provare nella versione da 55″, è uno dei modelli di punta della gamma 2018 di TV LED del produttore giapponese che porta anche nella fascia di prezzo al di sotto dei 2000€ le tecnologie utilizzate solitamente nei prodotti di fascia “enthusiast”.

Il design della TV di Sony è molto pulito presentandosi con cornici ridotte al minimo e due piedi di sostegno indipendenti posizionati con un angolo che li fa protendere verso i lati  – elemento che può più o meno piacere- creando lo spazio per accogliere una soundbar; senza alcuna sorpresa da un punto visivo le opzioni migliori ricadono nei modelli di Sony stessa, come la HT-XF9000 -di cui vi parleremo prossimamente- presentata nel medesimo periodo che ha un corpo con dimensioni corrispondenti e sagomato con lo stesso angolo.

Assemblare il Sony XF90 da 55″ è stato relativamente semplice, basta infatti inserire ed avvitare negli slot preposti mediante le viti fornite i due piedistalli, ma per fare il tutto avrete comunque bisogno di un’altra persona anche se solo per aiutarvi nell’estrazione dalla scatola e nel posizionamento sul mobile preposto ad accoglierlo (peso di circa 18Kg). In alternativa è possibile installare la TV di Sony a muro mediante i comuni supporti disponibili in commercio (spaziatura 30cm).

L’XF90 ha a bordo installato AndroidTV, quindi una volta collegato e acceso la prima volta vi verrà chiesto di configurare il Sistema Operativo, partendo dalla connessione al WiFi ed arrivando all’account per accedere al playstore ed usufruire dei contenuti in esso disponibile (se possedete un dispositivo Android connesso alla stessa rete la procedura sarà molto più semplice). Il sistema permette l’utilizzo oltre che delle principali app di streaming, di installare tramite il Google Play Store giochi o altre applicazioni pensate per Android TV, utilizzando i 16GB di memoria interna; la fluidità del tutto è buona per un sistema on board, ma ovviamente inferiore a quello che potrebbe offrire una smartbox di alto livello.

Le immagini offerte dallo schermo della smartTV Sony sono d’altissima qualità, sia da sorgenti 4K HDR native, sia da sorgenti di qualità più bassa (integrati sintonizzatori per digitale terrestre e satellite), grazie al processore d’immagine X1 Extreme di Sony e l’implementazione di tecnologie per il miglioramento dei colori e della nitidezza delle immagini come la X-Reality PRO e l’X-Motion Clarity. La definizione di quanto mostrato è sempre stato più che soddisfacente anche collegando la TV con una console esterna via HDMI, offrendo un’ottima fluidità all’azione. Di buon livello l’audio nelle varie situazioni provate, restando all’altezza del prodotto anche se l’acquirente standard in questa fascia di mercato punterà ad accoppiare lo schermo con una soundbar o con un impianto home theatre.

Come molte TV recenti, anche il prodotto di Sony si presenta con l’applicazione di Netflix preinstallata, e facilmente accessibile grazie ad un pulsante dedicato sul telecomando e permettendo anche, qualora abbiate l’abbonamento “top” al servizio di streaming ed una connettività adeguata, di usufruire dei contenuti Ultra HD ed HDR presenti nel catalogo. Però a nostro parere potrebbe risultare più conveniente usufruire dei contenuti FullHD, mostrati comunque ottimamente dalla TV, rispetto a quelli di qualità superiore: la tecnologia di compressione utilizzata da Netflix per i contenuti UltraHD permette di fruirli con una connessione da 25Mbps, presentando un bitrate (quantità di bit per secondo) inferiore pure a quella utilizzata per i Blue-Ray in FullHD, ma al prezzo di una qualità dell’immagine non altissima che viene molto evidenziata dal pannello utilizzato dall’XF90.

A completare la dotazione del XF90 sul versante connettività troviamo una porta Ethernet, da poter utilizzare per il collegamento ad internet in alternativa al WiFi, ed il Bluetooth con supporto sia per tastiere e mouse che per collegare cuffie e speaker esterni. Le porte USB permettono di collegare al dispositivo anche memorie esterne da utilizzare sia per la visione e l’ascolto di contenuti multimediali, che per la registrazione dei programmi. Infine, da non dimenticare, la TV di Sony integra al suo interno la tecnologia Chromecast, permettendo di inviare e riprodurre contenuti da un dispositivo compatibile (smartphone o tablet) semplicemente con un tap sullo schermo.

Il Sony XF90, commercializzato nel nostro paese come XF9005, da noi provato si è nel complesso presentato come un’ottima SmartTV, attualmente è sul mercato con prezzi che partono dai 999€ per la versione da 49″, arrivando a 1200€ circa per quella da 55″ (oggetto della prova) e 1800€ circa per il 65 pollici. Il prezzo, già di suo buono per il prodotto proposto – se escludiamo produttori lowcost -, è sicuramente destinato a scendere nei prossimi mesi in seguito all’arrivo sul mercato dei nuovi modelli che probabilmente saranno presentati a gennaio durante il CES di Las Vegas.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

GRIS, il titolo di Nomada Studio è un platform atipico che fa riflettere sul “male di vivere” – la nostra prova

prev
Articolo Successivo

C’erano una volta le macchine ‘nude’. Ora sapreste smontare la vostra sveglia?

next