In futuro l’obesità si potrà combattere con un microchip sottocutaneo. Una tecnica decisamente meno invasiva rispetto a quelle chirurgiche adottate oggi. Il dispositivo è stato messo a punto dall’Università di Wisconsin-Madison e sarebbe in grado di attenuare gli attacchi di fame e così aiutare a dimagrire. Tutto ovviamente sotto controllo medico.

Per il momento la sperimentazione è stata fatta soltanto sui ratti, ma con esiti entusiasmanti: gli animali sono infatti arrivati a perdere fino al 40% del proprio peso.

Il chip misura meno di 1 x 1 cm‎ ed è quindi sicuro e impiantabile tramite procedure cosiddette “micro invasive”. Il suo funzionamento è semplice e non prevede la presenza di batterie per il funzionamento. Il chip infatti si alimenta ricavando impulsi elettrici dai naturali movimenti di digestione dello stomaco. Una parte dell’energia è poi ritrasmessa sotto forma di impulsi al nervo vago, che collega il cervello e lo stomaco.

In questo modo infatti il sistema nervoso viene ingannato e indotto a “credere” che il nostro stomaco stia lavorando alla digestione del cibo. Di conseguenza il senso di fame diminuisce e il soggetto è portato a mangiare meno.

Questa soluzione inoltre è più vantaggiosa rispetto ad esempio al classico‎ bypass gastrico, perché è reversibile. Come dimostrato nello studio infatti, una volta rimosso i ratti hanno ripreso le loro normali abitudini alimentari e il peso perduto nel giro di 12 settimane. Se in futuro dovesse essere possibile in qualche modo controllarne il funzionamento dall’esterno, potremmo accendere e spegnere il microchip in modo da fare dei cicli di “dimagrimento” sotto osservazione medica e mantenere il peso lungo l’intero arco dell’anno.

L’obesità è ormai un grave problema in tutto l’Occidente. Secondo un recente studio infatti in tutto il mondo ci sono più di 700 milioni, tra adulti e bambini, che soffrono di obesità, tanto da indurre gli studiosi a definire “pandemia” il costante aumento di problemi di salute legati al peso corporeo. L’ultimo rapporto dell’UNICEF mette in particolare l’accento sull’obesità infantile, in crescita drastica e legata a problemi di errata alimentazione.

Nel 2017 risultavano in sovrappeso 38,3 milioni di bambini sotto i 5 anni, 8 milioni in più rispetto al 2000, in pratica un bambino su tre. Per quanto riguarda l’Italia invece la percentuale di bambini e adolescenti obesi è aumentata di tre volte dal 1975 al 2016.

Il team di ricerca ha già brevettato il microchip e si prepara ora ad estendere la sperimentazione su altri tipi di animali. Se tutto dovesse continuare per il meglio si dovrebbe arrivare infine alla sperimentazione sugli esseri umani e quindi a un lancio sul mercato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Belen Rodriguez, il padre Gustavo lancia oggetti in strada dalla finestra: ricoverato in ospedale

next
Articolo Successivo

Apple iPad Pro 2018 e Samsung Galaxy Tab S4: l’eterna lotta tra iOS e Android con un occhio al portafoglio

next