Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha riferito in Senato sulla manovra dopo l’accordo raggiunto con la commissione Ue e il passo indietro sul deficit-Pil, tra le proteste delle opposizioni. Tutto mentre spiccavano le assenze di Di Maio e Salvini. Dal Pd a FdI fino a LeU e Forza Italia, i gruppi di opposizione hanno attaccato il governo, ricordano le promesse degli stessi vicepresidenti e ironizzando sulle loro assenze. “Dal ‘non ci muoveremo di un millimetro’ siete finiti a farvi scrivere la manovra da quelli che bollavate come tecnocrati di Bruxelles“, ha rivendicato il senatore dem Alan Ferrari. E c’è anche chi, come il senatore di Fdi Adolfo Urso, azzarda: “Tassando chi produce e dando a chi non lavora, è la prima manovra comunista della storia d’Italia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Meluzzi vs Parenzo: “Carabinieri siano dotati di armi a pompa con pallottole di gomma”. “Bullo arcidiacono di ‘sto c…”

next