Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha riferito in Senato sulla manovra dopo l’accordo raggiunto con la commissione Ue e il passo indietro sul deficit-Pil, tra le proteste delle opposizioni. Tutto mentre spiccavano le assenze di Di Maio e Salvini. Dal Pd a FdI fino a LeU e Forza Italia, i gruppi di opposizione hanno attaccato il governo, ricordano le promesse degli stessi vicepresidenti e ironizzando sulle loro assenze. “Dal ‘non ci muoveremo di un millimetro’ siete finiti a farvi scrivere la manovra da quelli che bollavate come tecnocrati di Bruxelles“, ha rivendicato il senatore dem Alan Ferrari. E c’è anche chi, come il senatore di Fdi Adolfo Urso, azzarda: “Tassando chi produce e dando a chi non lavora, è la prima manovra comunista della storia d’Italia”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Meluzzi vs Parenzo: “Carabinieri siano dotati di armi a pompa con pallottole di gomma”. “Bullo arcidiacono di ‘sto c…”

next