Quella che vedete in foto è la più grande distesa di pannelli solari condivisi costruita su un tetto, esattamente quello dello stabilimento Nissan Motor Parts Center di Amsterdam, dei Paesi Bassi. E’ composto da 9.000 pannelli fotovoltaici che, oltre a garantire il 70% del fabbisogno energetico dell’impianto stesso, forniscono energia rinnovabile a ben 900 abitazioni, permettendo di risparmiare 1,7 milioni di chilogrammi di anidride carbonica ogni anno. Oltre naturalmente ad immettere energia direttamente nella rete nazionale olandese. Il progetto è stato parzialmente finanziato da un programma di crowdfounding nazionale, e portato avanti grazie alla collaborazione tra la casa giapponese e i residenti. Ma non è l’unico: ne sono allo studio altri, in grado di ridurre ulteriormente l’impatto ambientale dello stabilimento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La nuova Lancia Delta Futurista non basta? Ecco l’occhiale vintage da abbinarci

prev
Articolo Successivo

Botti di capodanno? Niente paura per i cani con la cuccia insonorizzata Ford – VIDEO

next