Fa discutere tra le file dell’opposizione il via libera alla legge Anticorruzione, bandiera del Movimento 5 stelle che l’ha rinominata ‘Spazzacorrotti, passata con 304 sì , 106 voti contrari e 19 astenuti. “Il governo ha inventato l’ergastolo processuale“, ha commentato la senatrice forzista Anna Maria Bernini. “La prescrizione è una bomba innescata”, le ha fatto eco Cosimo Ferri del Pd.

Alla votazione non hanno partecipato i deputati di Forza Italia. L’abbandono dell’aula era stato annunciato nella dichiarazione di voto da Enrico Costa: “Noi non siamo complici dell’omicidio del processo penale. Per questo Forza Italia non parteciperà al voto finale sul disegno di legge anticorruzione”. “Oggi il governo ha introdotto per legge la cultura del sospetto, ha trasformato tutti gli italiani in presunti colpevoli, ha inventato l’ergastolo processuale. Dalla culla del diritto questo Paese rischia di diventare la sua tomba”, ha scritto su Twitter la Bernini, capogruppo dei senatori di Forza Italia.

“È un provvedimento che ‘spazza’ non i corrotti ma il lavoro iniziato anni fa e portato avanti dai governi Renzi e Gentiloni e che travolge i principi fondamentali e il sistema penale – ha commentato il deputato dem Ferri, componente della Commissione Giustizia della Camera e in passato sottosegretario alla Giustizia – L’emendamento sulla prescrizione, inserito solo successivamente in commissione, è completamente estraneo alla materia dell’anticorruzione. È un’autentica arma innescata pronta ad esplodere tra un anno anche in assenza di una riforma complessiva del sistema penale“.

Anche il deputato del gruppo Misto-Sogno Italia, Catello Vitiello, ex Movimento 5 stelle, promotore dell’emendamento “salva peculato” votato da Fi e pezzi della Lega e poi eliminato al Senato, ha commentato la votazione.  “È una pagina nera per tutti i giuristi. Il ministro Bonafede ha avuto il merito di mettere tutti d’accordo: accademia, magistratura e avvocatura sono concordi nel ritenere che questo disegno di legge contiene norme votate al diritto penale della delazione e della vendetta, norme votate all’allungamento indiscriminato dei processi, norme votate all’inutilità“. Il deputato, intervenuto durante la dichiarazione di voto, ha poi concluso: “Non si può fare della paura l’unico strumento di prevenzione: con questo disegno di legge si è persa l’occasione di cambiare davvero tendenza, puntando alla ricostruzione di un modello culturale da seguire e non alla paura dello Stato di diritto“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ddl Anticorruzione, M5s festeggia davanti a Montecitorio. Di Maio: “Mettiamo al centro la brava gente”

prev
Articolo Successivo

Manovra, Ue non apre procedura d’infrazione. Il maxi-emendamento: 4,7 miliardi in meno a reddito e quota 100

next