Sabato mattina alcune decine di militanti di Forza Nuova sono scesi in strada a Bologna per manifestare dopo l’esplosione di un ordigno davanti alla sede del quartiere Borgo Panigale, avvenuta nella notte tra il 9 e il 10 dicembre scorso. E proprio lì davanti si è concluso il corteo, che ha sfilato tra i residenti molti dei quali ignari sia dell’attentato sia dell’esistenza della sede del movimento di estrema destra. Tra i manifestanti anche Selene Ticchi, attivista sospesa dal movimento per avere indossato a Predappio una maglia con la scritta “Auschwitzland. “È stata allontanata, non ha più cariche nel movimento, non ci sentiamo di dire a nessuno di non venire in corteo” ha commentato il segretario di Forza Nuova Roberto Fiore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo, somalo fermato a Bari: “In chat foto e riferimenti al Vaticano”

next
Articolo Successivo

Palermo, salvata speleologa sulle Madonie: era caduta in una grotta a 100 di metri di profondità

next