Pochi i parlamentari che hanno voglia di commentare la decisione del governo italiano di fissare nella manovra il rapporto deficit-pil allo 2,04%, invece del 2,4% precedentemente previsto. La presidente della Commissione Finanze, Carla Ruocco (M5s), si trincera dietro un silenzio imbarazzato con il suo assistente parlamentare che la tiene lontana dalle telecamere. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, concede interviste solo sull’oggetto di un incontro a Palazzo Chigi sul volley e si lascia scappare solo un “la trattativa con l’Europa non è ancora chiusa”. E proprio da Bruxelles trapelano voci che vorrebbero il rapporto defict-pil del governo italiano ancora più basso. Su questo il senatore pentastellato Elio Lannutti commenta: “Se fosse per me altro che 2,4, farei il 3%. Se scendiamo all’1,8%? Spero di no altrimenti ci sarà la rivoluzione davvero, altro che gilet gialli come in Francia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fico a Parigi: “No a figli e figliastri, due pesi e due misure significa avere Ue non equilibrata. Tav? Opera antistorica”

next
Articolo Successivo

Manovra, Tajani attacca il governo: “Una totale marcia indietro che sfiora il ridicolo, una figuraccia”

next