Il noleggio auto sarà più veloce grazie alla tecnologia di scansione biometrica del volto. A decidere di usarla è Hertz, una delle più grandi aziende di noleggio auto, con il sistema che è stato battezzato “Hertz Fast Lane”. Realizzato in collaborazione con la società di sicurezza biometrica Clear, questo nuovo metodo è finalizzato ad accelerare il processo di noleggio auto. I viaggiatori potranno sbrigare le pratiche per l’affitto dell’auto in 30 secondi o anche meno, risparmiando almeno il 75 percento del tempo.

Ai clienti basterà registrarsi una sola volta con Clear. Se l’iscritto è anche cliente fidelizzato di Hertz potrà collegare i due account in modo da verificare la propria identità e prenotare il noleggio auto con un semplice tocco. La registrazione prevede una foto del cliente e la scansione della sua impronta digitale. Una volta fatto, basterà recarsi a uno dei punti di riconoscimento, disporsi davanti alla telecamera per il riconoscimento del volto mentre si appoggiano le dita sullo scanner per le impronte digitali e la procedura sarà finita. Non servirà presentare documenti, firmare moduli e altro.

https://www.youtube.com/watch?v=KTXbfsl8bWk

Il servizio per il momento è in funzione soltanto presso l’ufficio Hertz dell’aeroporto internazionale Hartsfield–Jackson di Atlanta, negli Stati Uniti. Entro fine  il 2019 Hertz Fast Lane dovrebbe sbarcare in altre 40 ulteriori località, sempre negli Stati Uniti. Al momento non abbiamo informazioni sulla disponibilità del servizio in Europa. Considerato che Hertz è molto presente anche sul nostro territorio, si può ipotizzare verosimilmente che sarà solo  questione di tempo.

Caryn Seidman-Becker, amministratore delegato di Clear, spiega che l’azienda è impegnata nel creare “un futuro in cui i vostri occhi, volto e impronte digitali saranno il vostro migliore e più sicuro documento di identità”. Un proposito che non è circoscritto al noleggio auto, ma anche per accelerare le procedure doganali negli aeroporti o partecipare a grandi eventi, come quelli sportivi.

Ci sono già stati esperimenti – in cui non era protagonista Clear – di tecnologie per il riconoscimento facciale applicate a eventi sportivi. I risultati per adesso non sono del tutto affidabili, ma la tecnologia evolve rapidamente, non resta che attendere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Password queste sconosciute: i 10 peggiori scivoloni sulla sicurezza commessi nel 2018

prev
Articolo Successivo

Auricolari senza fili Pamu Scroll, il progetto finanziato online è realtà. Il nostro giudizio

next