Legambiente e gruppi ambientalisti si sono ritrovati fuori dal palazzo della Regione Lombardia per protestare contro la realizzazione dell’autostrada Cremona-Mantova.
Un’opera, secondo gli ambientalisti, “inutile”, che utilizza “fondi che andrebbero concentrati sulla modernizzazione della viabilità del territorio e sulla mobilità sostenibile”.
“La paura – spiega Cesare Vacchelli, portavoce dei comitati ambientalisti dei territori interessati – è che si vada avanti per altri anni spendendo soldi e denaro. Nessuno si prende la responsabilità politica di bloccare il progetto, né la Regione Lombardia, né i comuni”. Poco dopo, nella discussione fra sindaci, rappresentanti industriali e Regione Lombardia, si è però deciso di procedere con i lavori. Sindaci e consiglieri regionali si sono accordati per effettuare ulteriori verifiche di fattibilità, per poi ritrovarsi il 22 gennaio in un incontro definitivo.Sia il sindaco di Mantova che quello di Cremona, all’uscita dal palazzo della Regione, si sono detti soddisfatti, pronti ad appoggiare la realizzazione dell’opera dopo la rassicurazione del presidente regionale Fontana, che si è impegnato, a detta loro, a finanziare la nuova autostrada

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riscaldamento globale, Crozza a Che fuori tempo che fa: ‘Colpa di Satana? Vade retro gasolio, esci da questo serbatoio’

prev
Articolo Successivo

Roma, dopo l’incendio il Campidoglio cerca alternative per superare il Natale. E torna l’ipotesi Cerroni

next